Il “clicker di Google” olandese emette un segnale acustico ad ogni contatto segreto tra i siti e Google

Il “clicker di Google” olandese emette un segnale acustico ad ogni contatto segreto tra i siti e Google

Non è un segreto che i siti e le app tengono traccia del nostro comportamento dietro le quinte. Potremmo avere l’impressione che ciò avvenga sempre meno in segreto, grazie alle notifiche sui cookie, richiedere il seguito e le leggi europee sulla privacy. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità, secondo una semplice ma efficace applicazione dell’esperto olandese di TIC Bert Hubert. Googerteller monitora la connessione Internet del tuo computer e ti informa di ogni contatto con un server di Google. “Sono rimasto scioccato dalla frequenza con cui questo è stato sentito e in realtà mi ha fatto arrabbiare”, afferma Hubert.

Il contatto tra siti, applicazioni e Google non è una sorpresa completa. Browser come Firefox e Safari hanno blocchi di tracciamento integrati che mostrano nei rapporti la frequenza con cui i siti tentano di trasferire le tue informazioni. Ci sono anche plugin del browser, come da Fantasma Per esempio. Ma quei numeri esatti sono sorprendentemente astratti quando li confronti con qualcosa di semplice come un suono ogni volta che contatti Google.

“Se arrivi come tecnico con un file del genere pieno di cifre, non significa nulla per un manager. E se lo rendessi tangibile con un segnale acustico contattando Google?”, spiega Hubert.

Volutamente irritante, con un’ispirazione irritante

Hubert girava da tempo con una mezza idea intorno all’informatore di Google, ha trovato ispirazione per Googerteller, tra le altre cose, Microsoft Teams. “Sai che fai videochiamate con Teams per un po’ e poi il tuo laptop vola via perché i fan girano così forte? Ad un certo punto inizi a odiare Teams. Lo stesso vale per Googerteller”, spiega Hubert.

READ  Nintendo pensa che venderà meno copie di Switch il prossimo anno | ADESSO

Poiché Googerteller emette un segnale acustico in tempo reale e ogni volta che contatti Google, come utente ottieni un’immagine della privacy completamente diversa. Il cantiere del governo centrale, ad esempio, workingfornederland.nl. Questa pagina invia un segnale a Google con quasi ogni clic. “Anche se fai clic sul numero di telefono, Google lo scoprirà”, afferma Hubert.

Connessioni di Google difficili da spezzare

Anche i siti Rabobank e ABN Amro emettono un segnale acustico molto quando viene attivato Googerteller. “Anche se opti per cookie minimi, questi siti li invieranno comunque a Google quando visualizzerai le opzioni di mutuo e rimborso”, afferma Hubert. E i tuoi gusti musicali non sono così privati ​​come pensavi. “Spotify invia tutto ciò che fai allo spazio di archiviazione di Google Cloud. Ogni clic, ogni scorrimento viene trasferito: che tu stia facendo una pausa o un avanzamento rapido o ascoltando K3 di cattivo umore. Mi sento molto preso”, ha affermato Hubert.

Il comportamento della maggior parte dei siti spesso non è del tutto intenzionale, sospetta Hubert. “Quello che mi ha colpito è che l’integrazione con i tracker di Google e anche con quelli di Facebook, ad esempio, spesso è già integrata nell’applicazione e nei modelli di sito”, spiega Hubert. Questi modelli sono una sorta di framework disponibile gratuitamente che viene spesso utilizzato per allegare un sito o un’applicazione. Risparmia molto lavoro, ma ci sono anche degli svantaggi.

Hubert pensa che molte aziende non si rendano nemmeno conto che il loro sito o la loro app cambiano costantemente con Google. Anche Googerteller è pensato per questo, in modo che dipendenti e manager possano scoprire cosa fa il loro software in modo semplice. “Purtroppo, non esiste una soluzione semplice al problema”, afferma Hubert. “Dovrai scansionare manualmente ogni riga di codice nella tua app o nel tuo sito per assicurarti che non ci siano tracker nascosti”.

READ  MotoGp, la morte di Dupasquier: Bagnaia sfida Valentino Rossi

Versione mobile come progetto artistico

contatore di google è ora disponibile solo per sistemi Linux come Debian, Ubuntu, Arch e Fedora. Una versione per macOS di Apple uscirà probabilmente questa settimana, seguirà a breve una versione per Windows. Una versione mobile è possibile, ma un po’ più complicata a causa della natura chiusa di Android e iOS, su cui le applicazioni vengono installate principalmente tramite gli app store. Ma Hubert ha trovato un’alternativa migliore.

“Voglio fare una sorta di installazione artistica, che è un punto wifi pubblico con un altoparlante. Accedi tramite un codice QR e usi il telefono normalmente, ma ogni volta che il tuo telefono contatta segretamente Google, emette un segnale acustico all’altoparlante, ” dice Uberto. Ha anche già un finanziatore per il progetto, ma sta ancora cercando qualcuno che possa realizzare una bella versione di questo dispositivo.

“Forse posso metterlo al Binnenhof, oa un festival”, ride Hubert. “Ho anche pensato a diversi suoni, uno per ogni azienda che raccoglie segretamente i tuoi dati.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *