Il coraggio di Pio e Amedeo di non chiedere scusa

Abbiamo dato loro dei omofobo, ignorante, razzistA, errato. Sono stati attaccati da tutta la sinistra e da questi radicali chic con la puzza sotto il naso. Colleghi, cantanti (Michele Bravi al concerto del 1 maggio ha suscitato qualche polemica, ma il piazzamento di Fedez ha rubato la scena), da parte di chi non ha cervello proprio e quindi sta seguendo la pista. C’era un pacco per due, c’era un pacco per Pio e Amedeo. Erano tutti lì, mobili in mano, in attesa che il duo comico si scusasse. Erano tutti lì, a godersi gli attacchi, i crimini e l’indignazione pubblica. Erano tutti lì, a isolarli e ad aspettare la loro mezza dichiarazione. Eccoli soddisfatti: hanno parlato Pio e Amedeo. Lo hanno fatto a modo loro, lo hanno fatto rivendicando ciò che è stato detto, lo hanno fatto da veri artisti (pensando) chi sono: non chiedere scusa per qualcosa che non hanno fatto.

Perché quanto detto nell’ultima puntata di buona serata di Pio e Amedeo era chiaro: il problema non è nelle parole ma nelle intenzioni. In Italia, ormai, non si può più dire nulla. O meglio, puoi dire quello che ti lasciano dire (Non torniamo sulla presunta censura di Fedez perché in questo caso il discorso è diverso). Per un attore, queste regole sono troppo rigide. Sono un vizio mortale. Se dicono quella parola, offendono i gay, gli altri gli ebrei, gli altri neri e così via. Anche in scherzi chi è entrato in carica politicamente corretto che ormai ha stancato tutti. Film e disegni censurati, statue demolite, storie riscritte in onore di una verità dettata da una certa linea di pensiero. Non ti adatti? Sei fuori.

READ  "Solo chi ha un cuore può capirmi"

“Non ci scusiamo”

“Siamo a Folliaaaa – scrivono Pio e Amedeo sul loro profilo Instagram – Forse qualcuno in questo post se lo aspetta. Scuse e lo avvertiamo subito che rimarrà deluso. Crediamo che molte persone che hanno attaccato il nostro monologo non lo abbiano nemmeno visto nella sua interezza, e molti lo hanno già considerato di parte. Ebbene, guardiamo a loro, a “te”. “Da subito vediamo che i due attori sanno, hanno capito tutto, hanno scoperto questo“ sistema ”che fa marcire tutto.

Il messaggio è molto chiaro (se non riesci nemmeno a capire queste parole, il problema si fa ancora più serio). “Non fingere di non aver capito quello che abbiamo detto, perché ti conviene trasformarlo nel solito litigi politici a buon mercato. La politica non ci appartiene (anzi fanno ironia su tutti i temi politici, ndr). La politica ci rende omaggio con idee e personaggi senza distinzione di partiti per fare quello che vogliamo, SATIRA, come abbiamo sempre fatto. “E possono prendere tutte le idee che vogliono dai nostri politici.

Dopo un leggero inizio, Pio e Amedeo si mettono al cuore. Trascriviamo. “Mentre alcuni di voi erano impegnati a mettere l’arcobaleno sulla foto del profilo sui social media, il sottoscritto si è recato in Russia alcuni anni fa per respirare il fetore dell’omofobia. troppe risorse, perché con Vladimir Luxuria eravamo lì per fare la voce del diritto a uguaglianza e con una buona risposta siamo stati spinti in una macchina con violenza da delinquenti e siamo stati fisicamente cacciati da questo paese dove gruppi di idioti attirano i gay su Internet per incontrarli, picchiarli e fare un video per il post con orgoglio sui social media. reti .. il tutto senza gridare parole “politicamente scorrette”, incredibile! Purtroppo, anche le persone cattive possono fare a meno dei “tuoi” divieti linguistici ”.

READ  Urtis massaggia e cavalca Zorzi, De Blanck "sbatte"

“Le parole contano”

Il post su Instagram è molto lungo e alla fine dell’articolo ve lo alleghiamo in modo che possiate leggerlo con calma. Pio e Amedeo però riescono a centrare tutti i punti cruciali per i quali sono stati attaccati. “LE PAROLE SONO IMPORTANTI! E come lo fanno … ma NON SONO CONFRONTATE ALL’INTENTO!” Ha senso: “ Le parole non sono buone comeIntenzione! ‘È quello che abbiamo detto! NON PROVARE. Puoi diventare così disgustoso anche usando solo termini “politicamente corretti”. Ma qualcuno ha mai posto la domanda? Ti sei mai chiesto chi guida questo paese alla deriva? L’unico pensiero o chi rende valide le loro idee?

Pio e Amedeo parlano dunque dell’arma dell’ironia. Spiegano che nessuno “ha detto ironia disinnescare il violenza“e che” la cura per l’ignoranza è l’educazione civica. NON PROVARE “VOI” A METTERE IN BOCCA I NOSTRI CONCETTI PERCHÉ CADETE MALE! “. Ma veniamo subito al punto. Qual è stata la più grande sciocchezza che hanno letto?” Che deve appartenere a un file Comunità per capirne i punti deboli, che deve aver sofferto per capire (queste accuse sono state fatte, ma c’è da dire che chi le ha fatte ha fatto un ragionamento razzista, ndr). Ma si tratta di affrontare un problema che non riguarda la “comunità”, ma che DENIGA, REATI e OSTACOLI. I CRÉTIN SONO IL PROBLEMA, non la comunità … per risolvere il problema non devi essere della “comunità” ma conosci i tuoi “torturatori”, gli ignoranti intorno.

Gli attori sono un fiume in piena. Hanno ricevuto reati e insinuando allusioni per quattro giorni. Adesso stanno esplodendo. “Ci sono i cattivi, i codardi, i brutti … quelli che adottano la violenza, è contro di loro che dobbiamo concentrarci. PERCHÉ TUTTI SONO LIBERI DI FARE CI CHE VOGLIONO, SEMPRE MA NEL RISPETTO DELLA VITA CIVILE! È Democrazia. Facciamo Non ci fermiamo alla grammatica delle parole, NON FELICE OGGI NON BASTA … EDUCIAMO ANCHE LA TESTA E NON SOLO LA LINGUA! “

READ  Gabriel Garko, secondo lutto in poco tempo: l'attore è devastato

Il lungo pensiero di entrambe le estremità. Ma una domanda sorge spontanea. A chi si rivolgono con te? “Quando diciamo ‘TU’ ci rivolgiamo a coloro che non hanno capito il nostro messaggio. Fortunatamente, dì gay, neri ed ebrei che hanno capito il senso di quello che abbiamo detto, ce ne sono tanti, tanti, e sono loro, come noi, che devono solo raggiungere la VERA UGUAGLIANZA ”.

Pio e Amedeo spiegavano così (perché apparentemente ce n’era bisogno) il significato di monologo Venerdì 30 aprile. Coloro che hanno criticato per sentito dire dovrebbero andare a prendere quei 20 minuti per avere un’idea dell’intera faccenda. Ma la correttezza politica, le polemiche, gli insulti, i delitti avranno piegato i due di Emigratis? “Per concludere – scrivono – sappiate che abbiamo appena iniziato la nostra battaglia contro i luoghi comuni eipocrisia. Il nostro obiettivo è sempre e sarà sempre quello di svelare questa UNICA OPINIONE che vogliono imporci! Rimanete sintonizzati “.

Nonostante tutto, quindi, i due non si piegano. Hanno il file coraggio per andare avanti sostenendo le proprie idee. Un coraggio che non tutti hanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *