Il costruttore di telescopi Christiaan Huygens era miope

Il costruttore di telescopi Christiaan Huygens era miope

Ritratto di Christiaan Huygens di Bernard Vaillant, occhiali aggiunti dal ricercatore Pietrow

Notizie ONS

Progetta un telescopio per osservare da vicino stelle e pianeti, anche se sei miope e non hai gli occhiali. È probabile che questo sia il caso del naturalista del XVII secolo Christiaan Huygens, senza che lui lo sappia. Questa è la conclusione dell’astrofisico Alex Pietrow in uno studio sui telescopi del famoso fisico e astronomo olandese.

Probabilmente non c’era niente di sbagliato nelle lenti del telescopio di Huygens, dice Pietrow nel rivista La Società Reale. Tuttavia, i suoi astronomi erano molto meno acuti di quanto fosse possibile in quel momento. Secondo Pietrow, ciò è probabilmente dovuto al fatto che Huygens aveva un leggero difetto oculare, che gli impediva, tra le altre cose, di regolare in modo ottimale il rapporto tra le due lenti del suo telescopio.

Consigli postumi sugli occhiali

I telescopi di oggi possono essere ruotati per mettere a fuoco, spiega il ricercatore quando gli viene chiesto. “Ma allora non era possibile: i telescopi erano fissati su una certa messa a fuoco”. Huygens ha dovuto provare lenti e rapporti diversi per costruire il telescopio perfettamente funzionante. “Giocava con le lenti e le separava con le mani finché l’immagine non era abbastanza chiara per lui.”

Sulla base delle sue scoperte, Huygens formulò formule che gli permisero di costruire telescopi a diversi ingrandimenti. “Ma se li simuli ora secondo queste formule, ti ritroverai con un telescopio sfocato”, afferma Pietrow. Lo attribuisce alla miopia, che colpì anche il padre di Huygens – il famoso poeta Constantijn – e suo fratello. In altre parole: Huygens può aver visto chiaramente attraverso il suo telescopio, ma altri no.

READ  NEWS - Un punto positivo al Sassuolo! Ferma Arthur, Luis Alberto, Mertens, Veretout, Demiral… - SOS Fanta

Pietrow ha calcolato cosa significherebbe ora: che Huygens avrebbe avuto bisogno di occhiali con una forza di -1,5. Allora le sue formule sarebbero corrette. “Questa è probabilmente la primissima ricetta postuma per gli occhiali”, dice.

Probabilmente lo stesso Huygens non era a conoscenza della sua deviazione, poiché era troppo limitata per causare problemi nella vita di tutti i giorni. “Quindi probabilmente ha incorporato inconsciamente questo difetto dell’occhio nei suoi progetti”, pensa Pietrow.

Collezione di lenti di Christiaan Huygens, con il suo ritratto sullo sfondo

Una conclusione plausibile, dice Tiemen Cocquyt. Il fisico è curatore del Rijksmuseum Boerhaave di Leida, dove sono esposte dozzine di lenti fatte in casa da Huygens. “Se si calcolano tutte le formule, si giunge alla conclusione che Huygens avrebbe potuto realizzare telescopi migliori. E questo è sorprendente, quando si vede fino a che punto si è spinta la sua teoria. Quindi doveva esserci un limite”.

Adatta

Ma, dice Cocquyt, che in passato ha svolto ricerche sugli obiettivi dei telescopi del XVII secolo: “Non si tratta tanto del fatto che Huygens indossasse o meno gli occhiali. Per me, questa ricerca mostra principalmente che l’interazione tra teoria e pratica ha svolto un ruolo importante in Huygens. ” Per mezzo di tentativi ed errori Huygens ha collegato la sua “teoria dell’obiettivo” e la sua “pratica del telescopio” come nessun altro, dice.

E poi, secondo Cocquyt, c’è la componente sociale. Il curatore ei suoi colleghi si sono sempre chiesti perché Huygens realizzasse così tante lenti per telescopi e perché non fossero effettivamente distribuite al di fuori della famiglia. “Era una specie di affare di famiglia. Questa ricerca mostra che potrebbe esserci stata una spiegazione affascinante per questo: la miopia era ereditaria. Quindi forse i telescopi erano del tutto adatti a padre e figli.”

READ  Sony metterà offline sul PlayStation Store i film di StudioCanal acquistati - IT Pro - News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *