Nuove prove nel caso di omicidio nel campus in cui quattro studenti statunitensi sono stati uccisi nel sonno |  All’estero

Nuove prove nel caso di omicidio nel campus in cui quattro studenti statunitensi sono stati uccisi nel sonno | All’estero

Un tribunale dello stato americano della Pennsylvania ha rilasciato nuove prove sul cosiddetto “caso di omicidio nel campus”, in cui quattro studenti sono stati uccisi nel sonno. Dopo l’omicidio, l’indagato è stato autorizzato a muoversi liberamente per sette settimane prima di essere arrestato in una casa non lontana dalla residenza studentesca in questione.

Bryan Kohberger, 29 anni, studente laureato in criminologia, ha colpito nel novembre dello scorso anno. Kaylee Goncalves (21), Madison Mogen (21), Xana Kernodle (20) ed Ethan Chapin (20) sono stati pugnalati a morte nel sonno. Gli esperti forensi hanno stabilito che le vittime si sono difese.

Ora sembra che quattro guanti medici e una torcia elettrica siano stati trovati a casa dei genitori del sospettato in Idaho nel dicembre dello scorso anno. Un tampone orale è stato prelevato anche da Kohberger e la sua stessa casa è stata perquisita dalla polizia all’inizio di quest’anno. Qui sono state trovate ciocche di capelli, inclusa una ciocca di un animale sconosciuto. Non è noto se questi peli appartenessero a uno dei cani delle vittime, poiché il cane di Murphy è stato risparmiato. Sono stati trovati anche materassi e cuscini macchiati di sangue. Tuttavia, non è stato rivelato a chi appartenesse il sangue.

molestatore

Le indagini hanno mostrato che il sospetto ha visitato la casa degli studenti più di dodici volte prima di scioperare nel novembre dello scorso anno. Ciò è stato tanto più notevole in quanto per molto tempo non si sapeva chi fosse il sospettato e se questa persona avesse assassinato gli studenti con premeditazione. Il sospetto era stato visto da una delle due persone illese nel campus, che aveva chiuso a chiave la stanza dopo essere entrata indossando una maschera.

READ  Persone bloccate per ore in un soffocante Thalys bloccato per la seconda volta questa settimana | ADESSO

frustrazione sessuale

Un ex agente dell’FBI afferma che il sospettato soffriva di frustrazione sessuale. Secondo la madre di una ragazza che amava il sospettato al liceo, è corretto. Ha anche detto che è stato vittima di bullismo da parte di studenti popolari. Secondo l’ex agente, il sospettato voleva sentirsi potente avendo il controllo sulle vittime. La vittima maschio (20 anni) era il fidanzato di una delle vittime di sesso femminile.

Prima dell’attacco, Kohberger aveva inviato a uno degli studenti un messaggio su Instagram chiedendole come stava. Quando lei non ha risposto, ha continuato a inviarle messaggi ripetendo la domanda. Per questo motivo, il suo movente è anche paragonato a quello dell’americano Elliot Rodger, che voleva uccidere quante più donne possibile nel 2014 perché era vergine e aveva problemi ad avere una vita sessuale.

Kohberger rischia la pena di morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *