Il fragile cessate il fuoco del Sudan è stato esteso per 72 ore

Il fragile cessate il fuoco del Sudan è stato esteso per 72 ore

Il fragile cessate il fuoco del Sudan è stato esteso per 72 ore
I residenti passano davanti a un veicolo dell’esercito nella capitale sudanese Khartoum

Notizie ONS

L’esercito sudanese e le milizie paramilitari delle RSF hanno concordato di estendere il cessate il fuoco. Il cessate il fuoco iniziato nella notte da lunedì a martedì è stato prorogato di altre 72 ore. L’armistizio doveva scadere a mezzanotte. L’America e l’Arabia Saudita hanno partecipato ai negoziati.

Sebbene nella capitale Khartoum si sentano ancora oggi colpi di arma da fuoco ed esplosioni, secondo il segretario di Stato americano Blinken, la violenza è diminuita drasticamente. Migliaia di persone hanno approfittato della relativa calma degli ultimi giorni per fuggire. Molti stranieri potrebbero essere evacuati. Più di cento olandesi furono espulsi dal paese.

Nella regione occidentale del Darfur il conflitto sembra aggravarsi, riferisce l’agenzia di stampa AP. I residenti affermano che i combattimenti sono i più feroci da quando sono scoppiati i combattimenti il ​​15 aprile. “Siamo sotto attacco da tutte le parti”, ha detto una donna della città di Al-Junaynah. “Tutti fuggono”. Spesso è difficile sapere chi li sta attaccando.

Più di 500 persone sono state uccise in Sudan dall’inizio dei combattimenti, secondo il Ministero della Salute sudanese.

La battaglia contrappone le truppe governative del Capo dello Stato e del generale Abdel Fattah al-Burhan alle Forze di supporto rapido (Rsf) del generale Mohamed Hamdan Dagalo, alias Hemedti. Non sono d’accordo su se e come integrare la milizia RSF nell’esercito sudanese.

READ  Elezioni americane, ecco l'ultimo sondaggio: chi vince?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *