Il James Webb Telescope scatta un anno di foto e festeggia con una nuova foto

Il James Webb Telescope scatta un anno di foto e festeggia con una nuova foto

Immagini pubblicate

Notizie ONS

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha rilasciato una nuova immagine ripresa dal telescopio spaziale James Webb. Le immagini sono state pubblicate in occasione di un anniversario: esattamente un anno fa, uscivano le prime immagini dello strumento.

Il telescopio è una collaborazione tra la NASA americana, l’Agenzia spaziale europea e la canadese CSA. Lo strumento è costato più di 10 miliardi di euro ed è stato lanciato nello spazio anni dopo il previsto con un razzo europeo Ariane 5, un tipo di razzo che ha compiuto il suo ultimo volo la scorsa settimana. È il più grande e potente telescopio mai costruito.

La nuova foto, pubblicata oggi, mostra dozzine di stelle “in divenire”. Si tratta di cinquanta piccole stelle che si trovano a circa 390 anni luce dalla Terra nelle cosiddette Rho Ophiuchi Clouds. Un anno luce è di circa 9,46 trilioni di chilometri. L’area è piena di gas caldi, idrogeno e bozzoli pieni di polvere.

“Anche il nostro Sole ha attraversato questa fase molto tempo fa, e ora abbiamo la tecnologia per vedere l’inizio di un’altra stella”, ha detto lo scienziato Klaus Pontoppidan dell’US Space Telescope Science Institute in una dichiarazione della Nasa.

Un’anteprima delle foto speciali dal telescopio spaziale James Webb:

  • NASA

    Immagini di una supernova in arrivo (una stella che esplode)
  • NASA

    Saturno con i suoi anelli e tre lune
  • NASA

    La galassia NGC 3256, a circa 100 milioni di anni luce dalla Terra
  • NASA

    La Nebulosa Carena
  • NASA

    Il pianeta Urano con gli anelli
  • NASA

    Una nuova stella si forma a circa 460 anni luce dalla Terra
  • NASA, ESA, CSA e STScI

    Stephan’s Quintet, una serie di galassie che si fonderanno

Quindi il telescopio Webb è stato “libero” per un po’ di tempo e le prime immagini erano tipo “apri gli occhi” per l’astronomo Rens Waters della Radboud University di Nijmegen. ” È come stare seduti in una stanza buia. Appena si accende la luce e lì vedi: oh, è così?”, dice nel programma radiofonico NOS Con un occhio al domani.

Il telescopio è in realtà costituito da uno specchio molto grande. “E più grande è lo specchio, più chiaramente puoi vedere”, dice Waters. “Ma anche: più grande è lo specchio, più luce può raccogliere. Più deboli sono gli oggetti che puoi vedere con esso, saranno automaticamente più lontani. Stai guardando sempre più in profondità nell’universo. E vogliamo davvero capire : come è nato davvero l’universo dopo il big bang?”

READ  Corsa Champions, Milan in difficoltà: sbaglia anche Pioli, ora lo scenario è preoccupante

Entrata olandese

Il Webb può mappare molto bene tutti i tipi di oggetti molto lontani dalla Terra, secondo Waters. Ciò riguarda, ad esempio, i pianeti al di fuori del nostro sistema solare, chiamati esopianeti.

“Vogliamo davvero capire se i pianeti che abbiamo qui sono molto comuni, quindi è necessario confrontarli con l’aspetto che hanno i pianeti intorno ad altre stelle. Ora possiamo mapparli con dettagli incredibili per la prima volta con Webb. i pianeti hanno un atmosfera, cosa contiene questa atmosfera e sono simili nella composizione alle atmosfere dei nostri pianeti?

Waters può anche usare lo stesso Webb. I Paesi Bassi fanno parte di un ampio gruppo di paesi che hanno contribuito al telescopio spaziale. Ciò non significa che possa effettivamente guardare “attraverso il telescopio”. “Tutto passa attraverso un grande centro di controllo della NASA. Ma fai una proposta per usare il telescopio. Poi c’è un comitato che lo esamina e se sei molto fortunato vieni selezionato, e poi il telescopio fa l’osservazione.”

Questo mese, il team di Waters ha 35 ore per utilizzare il telescopio Webb. Questa volta viene utilizzato per esaminare il contenuto di anidride solforosa nelle atmosfere di tre esopianeti. Lo zolfo è uno dei sei elementi essenziali per la vita sulla Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *