Il ministro Hoekstra: “Il discorso di Putin è una storia falsa” All’estero

Il ministro Hoekstra: “Il discorso di Putin è una storia falsa” All’estero

Durante la sua vorticosa visita a Buenos Aires, il ministro Hoekstra (Affari esteri) ha appena risposto al discorso altamente commentato che il presidente Putin ha pronunciato giovedì a Mosca. Hoekstra è a Buenos Aires per il vertice dei ministri degli Esteri latinoamericani.

Hoekstra in conversazione con questo sito: ,,Putin cerca costantemente di fingere che la situazione in Ucraina sia qualcosa di cui la colpa è di due parti. Sta cercando di coinvolgere l’Occidente e gli Stati Uniti”. Il Ministro risponde così al Presidente russo che oggi ha affermato, tra l’altro, che l’Occidente giocando un gioco pericoloso accecato dal colonialismo. “I miei colleghi qui in America Latina e io ho ben chiaro in mente che questa è una guerra ingiusta iniziata dalla Russia. La buona notizia è che vediamo tutti che si tratta di un falsa narrativa andare.”

Il testo continua sotto il video

Ha aggiunto che è importante che i paesi europei e latinoamericani continuino a lavorare insieme contro la Russia. Hoekstra conclude così la sua vorticosa visita a Buenos Aires, dove ha partecipato a un importante vertice ministeriale con i suoi colleghi europei e latinoamericani. Ha parlato faccia a faccia con i colleghi dell’Ecuador, Perù e Panama, tra gli altri.

Nessun contatto con il Nicaragua

Hoekstra non ha parlato con i suoi colleghi in Nicaragua e Venezuela, per esempio. Il Nicaragua ha interrotto le relazioni diplomatiche con il nostro Paese all’inizio di questo mese. Il Ministro ha nuovamente espresso la sua profonda preoccupazione per la democrazia ei diritti umani in questo Paese centroamericano. All’inizio di questa settimana, Hoekstra era in visita di lavoro a Sint Maarten, Curaçao e Aruba per incontrare i primi ministri e i governatori.

READ  "Ha bisogno di esami psichiatrici"

Le isole si trovano vicino al Venezuela, il che conferisce al paese un rapporto speciale con i Paesi Bassi. “Anche se abbiamo molto di cui discutere e non siamo d’accordo su molte cose, non riesco a raggiungere tutti. Tali conversazioni non si prestano a trenta secondi, ovviamente.

Statua di Anna Frank

Alla presenza degli amministratori locali di Buenos Aires e dell’ambasciatore olandese, tra gli altri, ha rivelato ancora Hoekstra la statua di Anna Frank rubata all’inizio di marzo. Meno di dodici ore dopo la scomparsa, l’immagine riaffiora nel “Barrio 31”, quartiere povero e non banale della capitale. Grazie alle immagini delle telecamere, la statua potrebbe essere rapidamente trasformata rintracciatoma il motivo e gli autori non sono stati divulgati.

Hoekstra: “Anne Frank ci ricorda che dobbiamo continuare a difendere i nostri diritti umani, tolleranza e diversità”. Ha detto che milioni di ucraini stanno fuggendo dall’aggressione russa e molti sono morti come Anna Frank. “È nostro dovere ritenere responsabili questi perpetratori, anche adesso”.

Grande comunità ebraica in Argentina

La statua di Anna Frank, realizzata dall’artista Jet Schepp, è una copia della sua statua sulla Merwedeplein ad Amsterdam. Ne esistono solo due copie. L’altro è nella capitale tedesca Berlino. La statua è lì dal 2014, quando è stata svelata alla presenza, tra gli altri, del rabbino Awraham Soetendorp (amico di padre Otto Frank) e del Centro Ana Frank Argentina, che l’hanno collocata lì in collaborazione con l’Ambasciata dai Paesi Bassi. L’Argentina ha – circa un quarto di milione di ebrei – una delle più grandi comunità ebraiche del mondo.

READ  L'Iran impone sempre più condanne a morte ai manifestanti anti-regime | All'estero

La statua è stata rubata il 4 marzo di quest'anno.

La statua è stata rubata il 4 marzo di quest’anno. © Weeda Sander

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *