Femke Tack (17) di Izegem in Italia con la nazionale di pallamano: “Essendo una delle più giovani, la selezione è stata una sorpresa”

Femke Tack (17) di Izegem in Italia con la nazionale di pallamano: “Essendo una delle più giovani, la selezione è stata una sorpresa”

Femke Tack ha iniziato a giocare a pallamano all’HBC Izegem nel novembre 2016 ed è ora alla sua sesta stagione con il club. Dopo diverse selezioni con gli Young Black Arrows, è stata notata dai Black Arrows, la nazionale belga di pallamano, con cui giocherà in Italia questo fine settimana.

“Prima di iniziare a giocare a pallamano, giocavo a calcio al KSV Roeselare e all’atletica leggera al FLAC Izegem”, apre solo il 17enne Femke Tack di Emelgem, che studia scienze sociali e tecniche all’IdP di Izegem. “Ho scoperto la pallamano all’HBC Izegem circa sei anni fa. Non mi ero reso conto di essere davvero bravo. Nel tempo libero dedico il più possibile allo sport. Sono anche assistente allenatore e faccio fitness a seconda della pallamano.

lavoro duro

La selezione con le Frecce Nere per l’Italia non esce dal nulla per Femke. “Nel 2019 ho partecipato alla selezione Est-Ovest. Abbiamo partecipato a tornei IRT con questa squadra. Durante uno di questi tornei IRT, mi è stato chiesto di partecipare a una prova di selezione con gli Young Black Arrows. Dopodiché, sono stato selezionato per ogni momento di formazione o stage con gli Young Black Arrows.

“Il 1 ottobre 2022 c’è stata un’altra pratica di selezione, questa volta con le Black Arrows. Durante questo allenamento ho appreso di essere stato selezionato per partecipare all’amichevole internazionale di doppio in Italia e contro l’Italia con i Black Arrows sabato 29 e domenica 30 ottobre.

“Mi piacerebbe giocare in prima nazionale”

“Eppure questa selezione è stata una sorpresa totale per me perché sono uno dei più giovani. Continuerò a lavorare sodo e spero che ne arrivino altri. Gli allenamenti con la nazionale sono molto più intensi di quelli del mio club HBC Izegem. Stiamo lavorando su cambi di palla rapidi per diventare automatici.

READ  Covid, Francia: "L'epidemia sta accelerando ovunque". Nuova variante scoperta in India. Brasile, nuovo record di morti: 3.251 in 24 ore

Squadra di talento

“Al Black Arrows sono nell’angolo destro, ma all’HBCI gioco come builder destrorso. Di conseguenza, le pratiche sono molto diverse per me. Ma ne traggo molto. C’è un bel po’ di potenziale nei Black Arrows”, afferma Femke. “Ci sono molti giocatori di talento. È un peccato che non otteniamo più interesse e supporto come accade per gli altri sport di squadra”.

“I Black Arrows vogliono qualificarsi per l’Europeo nel 2024. Mi aspetto di imparare molto da queste due partite internazionali. Non so molto dell’avversario, quindi non so davvero cosa aspettarmi. Ad ogni modo, non vedo l’ora di farlo e trovo anche molto eccitante poter competere a questo livello a 17 anni e fare esperienza con la nazionale.

“Il mio grande vantaggio è che sono mancino. La difesa è uno dei miei punti di forza, un punto debole è che tengo il braccio troppo basso nei passaggi e non riesco ad attaccare bene all’esterno, ma su quello stanno lavorando. Mi piacerebbe giocare in prima nazionale e magari un giorno in una squadra straniera. Questo deve ovviamente essere compatibile con i miei studi, perché con la sola pallamano non si raggiunge”, conclude Femke. (RV)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *