Pesanti multe minacciano le coppie italiane che usano surrogati fuori dall’Italia

Pesanti multe minacciano le coppie italiane che usano surrogati fuori dall’Italia

La maternità surrogata è vietata in Italia dal 2004, ma il partito conservatore di destra del Primo Ministro Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, vuole spingersi ancora oltre. Il disegno di legge renderebbe anche reato penale per gli italiani avere un figlio fuori dall’Italia attraverso una madre surrogata.

“Con il disegno di legge, il legislatore vuole rendere la maternità surrogata un reato penale universale”, spiega il corrispondente Anouk Boone. Le coppie in Italia ora a volte vanno all’estero per crescere i propri genitori con l’aiuto di una madre surrogata, come in Canada o negli Stati Uniti.

“Quindi vogliono vietarlo ora. Il governo non può operare fuori dall’Italia, ovviamente, quindi quello che vogliono provare con questa nuova legge è scoraggiare le coppie italiane dal prendere in considerazione la gravidanza. sostituzione fuori dall’Italia”. Le multe che vogliono imporre per questo sono sostanziose, dice Boone: da sei tonnellate a un milione di euro e anche pene detentive fino a due anni.

Coppie Lgbt

Il dibattito sul disegno di legge ha scatenato proteste all’inizio di questa settimana, sia per le strade di Roma che alla Camera dei Deputati italiana. I parlamentari che si oppongono al disegno di legge hanno mostrato cartelli con la scritta “genitori, non criminali”.

Sono principalmente le coppie etero in Italia che vanno all’estero per la maternità surrogata, ma i critici affermano che una tale legge colpisce ancora più duramente la comunità LGBT.

Boone: “Le coppie etero ricevono meno domande quando registrano un figlio e possono quindi affermare più facilmente di essere i genitori biologici. Le coppie dello stesso sesso non possono farlo, soprattutto quando si tratta di due padri. Coppie più dure rispetto alle coppie etero, anche se la legge vale per tutti». Inoltre, la fecondazione in vitro in Italia è disponibile solo per le coppie eterosessuali.

READ  Covid, lunedì la sala regia per le nuove regole | A giugno test in discoteca a Gallipoli: 2mila con il pass verde

È un segnale politico forte da parte della Meloni, dice Boone. “Lo ha già sottolineato in periodo elettorale: io difendo la famiglia tradizionale. Con questa battaglia ora può dimostrare ai suoi elettori che può mantenere le sue promesse elettorali”.

Non solo accettato

Boone non si aspetta che la legge passi presto. “È davvero un grande passo prima di arrivare a questo. È un processo piuttosto complicato per far passare questo disegno di legge. Vogliono criminalizzare qualcosa che è legale in altri paesi. La maternità surrogata non ha quindi luogo all’interno dei confini dell’Italia. resta da vedere se questo può essere proibito dal diritto internazionale”.

Ma anche senza questa legge, la genitorialità delle madri lesbiche è già sotto attacco, dice il corrispondente italiano. “Ci sono città in cui i sindaci progressisti hanno da tempo riconosciuto entrambe le madri come genitori. Questo è molto importante per loro, non solo per questo riconoscimento, ma anche, ad esempio, in caso di morte della madre biologica. Questo impedisce al bambino di dall’essere improvvisamente registrato, ma questo riconoscimento è attualmente ostacolato dal governo.

Genitori secondo i certificati di nascita

Nella città di Padova, nel nord dell’Italia, ciò ha già portato all’ordine alla città di rimuovere i genitori non biologici dai certificati di nascita di 33 bambini. Inoltre, non sono più legalmente autorizzati a utilizzare il cognome del genitore non biologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *