il nuovo governo di estrema destra espone il tallone d’Achille della propria democrazia con un piano di riforme

il nuovo governo di estrema destra espone il tallone d’Achille della propria democrazia con un piano di riforme

Manifestazione a Tel Aviv contro il progetto di riforma della Corte Suprema.  Immagine Abir Sultan/EPA

Manifestazione a Tel Aviv contro il progetto di riforma della Corte Suprema.Immagine Abir Sultan/EPA

Il nuovo governo israeliano di estrema destra impiega poco tempo a scaldarsi: non era ancora salito a gonfie vele a fine dicembre, quando già erano stati presentati i piani per riformare la Corte Suprema. Gli avversari trattengono il respiro. Secondo loro si sta compiendo un “golpe politico” che sta distruggendo la democrazia.

Decine di migliaia di israeliani sono scesi in piazza lo scorso fine settimana per manifestare contro questi piani. Sotto la pioggia battente, hanno gridato che Israele non doveva diventare l’Iran; un Paese dove gli ultraortodossi dettano le regole per tutti e nessuno può rallentare il governo. D’ora in poi, Israele non solo si trasformerà in una teocrazia, ma è fondato anche il timore di un governo più potente, che attualmente è composto da partiti ultraortodossi e di estrema destra, affermano gli esperti.

Il piano del Ministro della Giustizia Yariv Levin si compone di due parti: Attualmente, la Corte Suprema può sempre citare in giudizio il governo se vengono trovate nuove leggi che violano le leggi fondamentali del paese (Israele non ha costituzione). Questo governo vuole porre fine a tutto ciò. Se c’è una maggioranza parlamentare per una legge, deve semplicemente essere approvata. La Corte potrebbe impedirlo solo se i 15 giudici concordassero all’unanimità sulla necessità di bloccare una legge.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu arriva domenica per la riunione settimanale del gabinetto.  Immagine Menahem Kahana / Reuters

Il primo ministro Benjamin Netanyahu arriva domenica per la riunione settimanale del gabinetto.Immagine Menahem Kahana / Reuters

Secondo la seconda parte del piano, questa possibilità è minima: ora il governo nomina solo pochi membri del collegio che seleziona i nuovi giudici, ma per quanto riguarda il governo, presto nominerà il maggior numero di membri. I ministri hanno quindi molta più influenza su chi diventa giudice. Anche, ad esempio, i giudici incaricati del processo per corruzione in corso contro il primo ministro Benjamin Netanyahu.

READ  Coronavirus, proteste a Berlino contro misure governative: la polizia usa idranti | L'Ungheria estende il blocco parziale fino all'8 febbraio

Situazione tesa

Oggi il dibattito in Israele è raramente pacifico, ma la scorsa settimana ha mostrato quanto sia tesa la situazione. Il leader dell’opposizione ed ex primo ministro Yair Lapid ha avvertito che “la democrazia sta crollando”, l’ex ministro della difesa Benny Gantz ha detto di temere una “guerra civile” e l’ex generale Yair Golan ha chiesto la disobbedienza civile. In risposta, il deputato Zvika Fogel (il cui partito è al governo) ha detto che tutti e tre dovrebbero essere arrestati per “tradimento”.

Il primo ministro Netanyahu invita alla calma, affermando che le nuove regole saranno introdotte “responsabilmente”. A destra, dobbiamo porre fine a una magistratura non eletta iperattiva che seleziona i propri membri e ha un irragionevole diritto di veto sui rappresentanti democraticamente eletti – argomenti che anche l’ungherese Viktor Orbán, ad esempio, utilizza per le sue riforme.

I critici hanno ragione. Ad esempio, Israele ha un solo parlamento e nessun senato che deve anche approvare le leggi. Inoltre, i parlamentari non sono eletti in questo paese; i burattini sono nominati dal partito. Inoltre, il governo è composto da membri della maggioranza parlamentare, cosicché in pratica il legislativo e l’esecutivo formano un’unica entità. In breve, ci sono pochi controlli ed equilibri nel sistema.

Palestinesi

In passato, questo non è mai accaduto così rapidamente nel variegato Israele con i suoi numerosi partiti, ma negli ultimi anni è emersa una coalizione religiosa di destra che la maggioranza del Paese può sostenere. Si teme che una maggioranza aggressiva non si opponga più alla privazione di tutti i diritti di una minoranza.

La stessa divisione di questa minoranza è diventata evidente durante la manifestazione di questo fine settimana, in cui il gruppo che aveva più da perdere era appena presente: i palestinesi. Ad ogni modo, non si fidano delle istituzioni governative e non sono stati invitati. Per paura di dare ancora più munizioni alla destra, il centro sinistra non sosterrà qualcuno che sventoli una bandiera palestinese e gridi “fine all’occupazione”.

Resta da vedere se le decine di migliaia di persone che erano presenti continueranno a parlare nelle prossime settimane e se le masse rimarranno confinate nella classe media laica. Solo quando tutti coloro che i sondaggi mostrano saranno preoccupati per il nuovo governo parleranno, Netanyahu smetterà di dire: questo è ciò che vuole il Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *