Il parlamento israeliano approva la controversa riforma giudiziaria al primo voto

Il parlamento israeliano approva la controversa riforma giudiziaria al primo voto

Lunedì sera, il parlamento israeliano, la Knesset, ha provvisoriamente approvato un disegno di legge per limitare alcuni dei poteri della Corte suprema israeliana. Lo riferiscono agenzie di stampa internazionali. Il disegno di legge fa parte di una riforma giudiziaria proposta dal governo del primo ministro Benjamin Netanyahu che ha scatenato mesi di violente proteste. Il disegno di legge torna ora in una commissione parlamentare e potrebbe ancora essere modificato prima di essere finalmente approvato, possibilmente alla fine di questo mese.

In base al disegno di legge, la Corte Suprema avrà meno margine di manovra per ribaltare le decisioni del governo, dei ministri e dei funzionari eletti se le trova irragionevoli. Il disegno di legge è passato alla prima delle tre votazioni necessarie con 64 voti contro 56 dopo la prima lettura alla Knesset. Tutti i parlamentari dell’opposizione hanno votato contro.

Leggi anche: Netanyahu sta anche incontrando una massiccia resistenza popolare in un altro tentativo di strappare il potere ai giudici

Netanyahu, che guida una coalizione di partiti nazionalisti e religiosi, per riformare il sistema giudiziario ha scatenato una delle più grandi proteste nella storia del Paese – e preoccupazioni tra gli alleati occidentali sullo stato della democrazia israeliana. I critici affermano che il controllo giudiziario del governo è fondamentale per prevenire la corruzione e l’abuso di potere.

Videomessaggio

I fautori della misura ritengono che l’emendamento promuoverà una governance efficace limitando l’intervento giudiziario. “Non è la fine della democrazia, rende la democrazia più forte”, ha detto Netanyahu in un videomessaggio trasmesso lunedì scorso mentre il disegno di legge veniva discusso alla Knesset. “I diritti dei tribunali e dei cittadini israeliani non saranno danneggiati in alcun modo”, ha affermato. “Il tribunale continuerà a esaminare la legalità delle decisioni e delle nomine del governo”.

READ  Gli ucraini guadagnano terreno a Kharkiv, "L'Ucraina decide cosa succede"

Tuttavia, le sue parole non hanno rassicurato gli avversari. I manifestanti si sono riuniti fuori dall’edificio della Corte Suprema per una marcia verso il parlamento. L’opposizione ha annunciato una giornata di mobilitazione nazionale contro il disegno di legge per martedì.

Alla fine di marzo, dopo forti proteste, Netanyahu ha sospeso il processo per consentire colloqui con i partiti di opposizione. Ma alla fine di giugno, i due principali leader dell’opposizione, Yair Lapid e Benny Gantz, hanno sospeso la loro partecipazione a questi colloqui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *