Il partito filo-irlandese Sinn Fein ottiene la storica vittoria elettorale in Irlanda del Nord: ‘Una nuova era’ |  All’estero

Il partito filo-irlandese Sinn Fein ottiene la storica vittoria elettorale in Irlanda del Nord: ‘Una nuova era’ | All’estero

con video/aggiornamentoIl partito filo-irlandese Sinn Fein ha ottenuto una vittoria storica alle elezioni parlamentari nell’Irlanda del Nord britannica. I cosiddetti nazionalisti irlandesi sono diventati per la prima volta il più grande partito, consentendo loro di fornire il nuovo Primo Ministro. Finora hanno sempre vinto i partiti filo-britannici, che vogliono che l’Irlanda del Nord non faccia parte dell’Irlanda.

Giovedì le elezioni. Lo Sinn Fein, con il suo sostegno cattolico, ha ottenuto 27 seggi su 90 in parlamento (29% dei voti), tre in più del suo rivale, il Partito Protestante Unionista Democratico filo-britannico (24 seggi e 21,3% dei voti). . ). Il conteggio dei voti al primo turno di ieri ha mostrato che il partito filo-irlandese è molto più avanti degli altri partiti.

L’ultima volta il distacco tra i due partiti era di un seggio, a favore del DUP (27 contro 28). L’Alleanza centro-liberale ha vinto alla grande, passando da otto ad almeno 17 seggi. Due non sono ancora stati premiati.

Lo Sinn Fein è autorizzato a consegnare il Primo Ministro con questo risultato, per la prima volta dalla creazione dell’Irlanda del Nord nel 1921.

‘Nuova era’

“Oggi è un chiaro momento di cambiamento, l’inizio di una nuova era”, ha detto la leader del partito Sinn Fein Michelle O’Neill in un discorso poco prima dell’annuncio della distribuzione dei seggi. “Indipendentemente dal background religioso, politico o sociale, il mio impegno è far funzionare la politica”. Ha sottolineato che era imperativo che i politici dell’Irlanda del Nord si incontrassero la prossima settimana per iniziare a formare il governo devoluto dell’Irlanda del Nord. La mancata formazione di un governo entro sei mesi porterà a nuove elezioni.

READ  Regno Unito, Johnson alla prova dei sondaggi dopo Covid e Brexit. Il rischio delle "città rosse" e l'onere della ristrutturazione di Downing Street

“In questo stato c’è spazio per tutti, tutti noi insieme”, ha detto O’Neill. “È della massima importanza rimettere i soldi nelle tasche delle persone per iniziare a riparare il servizio sanitario. La gente non può aspettare.

Un sigillo da un'urna elettorale nell'Irlanda del Nord viene tagliato per contare i voti.

Un sigillo da un’urna elettorale nell’Irlanda del Nord viene tagliato per contare i voti. ©AP

Ramo politico dell’IRA

Il Sinn Fein è la vecchia ala politica dell’IRA, un movimento che ha combattuto duramente per unirsi all’Irlanda. L’attuale leader del partito ha precedentemente affermato di volersi concentrare sull’aumento del costo della vita e dell’assistenza sanitaria.

Sebbene il partito di O’Neill voglia un referendum sulla riunificazione dell’Irlanda del Nord con l’Irlanda, non lo vuole subito. L’Irlanda del Nord è emersa un secolo fa come una divisione protestante da un’Irlanda prevalentemente cattolica.

Michelle O'Neill, uno dei volti dello Sinn Fein, durante il discorso della vittoria.

Michelle O’Neill, uno dei volti dello Sinn Fein, durante il discorso della vittoria. ©AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *