Forse sai chi ha tradito la famiglia di Anne Frank

Le circostanze che hanno portato all’arresto della famiglia della giovane donna ebrea tedesca Anne Frank ad Amsterdam nel 1944 sono state oggetto di varie inchieste e indagini per decenni. teoria anche in contrasto tra loro. Secondo le ipotesi più diffuse, lei, i suoi genitori e sua sorella sarebbero stati arrestati grazie a una soffiata di qualcuno, ma fino ad ora le indagini non avevano portato a una soluzione certa. Ora un gruppo di investigatori guidati da un ex agente dell’FBI pensa di avere un’idea migliore di chi possa aver smascherato la famiglia della ragazza, nota per il suo famoso Giornale: probabilmente era un notaio della comunità ebraica olandese.

Le nuove indagini sono state lanciate nel 2016 e sono state raccontate nel libro Chi ha tradito Anna Frank (Il tradimento di Anna Frank), scritto da Rosemary Sullivan e basato sulle ricerche del detective americano Vince Pankoke.

La famiglia di Anna Frank aveva lasciato la Germania negli anni ’30 per sfuggire ai nazisti, ma le cose peggiorarono dal 1940, quando i tedeschi invasero i Paesi Bassi. Dal 1942 Anna si nascose per circa due anni in un rifugio in una casa appena fuori dal centro di Amsterdam con il padre Otto, la madre Edith e la sorella Margot, e durante questo periodo scrisse il suo famoso diario, che divenne una celebre testimonianza. orrori del regime nazista. Dopo il suo arresto il 4 agosto 1944, fu prima trasportata al campo di transito di Westerbork, poi al campo di sterminio di Auschwitz e infine a Bergen-Belsen, dove morì nel febbraio 1945, probabilmente di tifo.

Il padre, portato direttamente ad Auschwitz, fu l’unico a sopravvivere, non rivedendo mai più moglie e figlie: fece pubblicare il diario di Anna nel 1947, determinato a scoprire chi avrebbe potuto denunciare la sua famiglia, e morì nel 1980. .

READ  Il partito di Angela Merkel ha scelto Armin Laschet come candidato cancelliere per le elezioni di settembre

Nel 1947 e nel 1963 c’erano già state due inchieste sul possibile “tradimento” della famiglia Frank, ma non erano arrivate a nulla. Per sei anni il gruppo Pankoke prese tecniche utilizzate nelle moderne indagini per analizzare modus operandi dei nazisti e verificare centinaia di testimonianze e documenti, con l’obiettivo di riaprire un famoso caso ancora irrisolto dopo oltre 75 anni.

Secondo gli inquirenti, chi denunciava gli ebrei ai nazisti lo faceva per antisemitismo, in cambio di denaro o per sfruttarlo a proprio vantaggio. A poco a poco, il sospetto di chi avrebbe potuto denunciare i Franchi non era incentrato sulle persone che abitavano nelle case vicine a quella in cui si nascondevano, né su coloro che lavoravano con Ottone, ma sui membri dei consigli ebraici (Judenrat), cioè le organizzazioni imposte dai nazisti che miravano a facilitare l’applicazione di nuove leggi contro gli ebrei, in particolare sfruttando l’influenza dei loro membri più in vista, compresi i rabbini e gli anziani.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, la persona che ha fornito ai nazisti un elenco degli indirizzi dei nascondigli di varie famiglie ebree, tra cui quella di Anna Frank, era Arnold van den Bergh, un notaio ebreo olandese, membro molto influente di un di quei consigli

– Leggi anche: Le pagine segrete del diario di Anna Frank

Van den Bergh operò come notaio nel mondo dell’arte e tra l’altro seguì l’acquisto e la vendita di molte opere d’arte acquisite con la forza da illustri nazisti come Herman Goering, fondatore e comandante della Luftwaffe, l’aviazione della Germania nazista. Gli investigatori hanno scoperto che inizialmente van den Bergh era riuscito identificarsi come non ebreo, ma ha dovuto rivelare la sua identità a seguito di una disputa d’affari. Tuttavia, quando i consigli ebraici furono sciolti alla fine del 1943, né lui né i suoi familiari più stretti furono mandati nei campi di sterminio, a differenza di altri ebrei nazisti, o almeno che aveva sfruttato il fatto di aver denunciato alcune famiglie ebree come una specie di assicurazione per la propria famiglia.

READ  Afghanistan, diretta - I talebani: "Se gli Usa restano dopo il 31 agosto, reagiamo. Niente governo finché ci sono". Resistenza al Panshir: "Migliaia pronti a combattere, ma si cerca una soluzione pacifica"

Il suo nome era stato menzionato anche nelle indagini del 1963, ma all’epoca la polizia non indagò ulteriormente.

Uno dei motivi principali per cui gli investigatori hanno concentrato i loro sospetti su van den Bergh è stato che diversi anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, Otto Frank ha rivelato a un giornalista che credeva che la sua famiglia fosse stata tradita da qualcuno all’interno della comunità ebraica. Lo aveva sostenuto in particolare per via di un messaggio anonimo che aveva ricevuto, in cui non era espressamente indicato il suo nome ma si diceva che la sua famiglia fosse stata tradita da Arnold van den Bergh.

Il messaggio ricevuto da Otto Frank è stato consegnato agli inquirenti dal figlio del detective che all’epoca aveva seguito le indagini e corrisponde ad altri rapporti provenienti dagli archivi nazionali olandesi, secondo cui una persona legata ai consigli ebraici avrebbe dato ai nazisti gli indirizzi di diverse famiglie ebree nascoste.

Inoltre, secondo le nuove indagini, durante una conferenza negli anni ’90, una delle persone che avevano aiutato la famiglia Frank a rifugiarsi si era lasciata sfuggire che la persona che li aveva traditi era morta prima del 1960: van der Bergh morì nel 1950 .

Al momento non ci sono prove che van der Bergh sapesse chi si nascondeva nelle case agli indirizzi da lui forniti ai nazisti e non è chiaro il motivo per cui non sia stato indagato ulteriormente quando il messaggio anonimo faceva parte dei documenti precedentemente raccolti. dagli investigatori. La Casa di Anna Frank, la fondazione olandese che gestisce il museo di Anna Frank ad Amsterdam dal 1957, ha affermato di non avere altre prove che confermano le responsabilità di van der Bergh o lo esonerano dal caso. La Fondation Fonds Anne Frank Suisse, creata da Otto Frank nel 1963, gestisce i diritti di Diario di Anna Frank, ha detto che non avrebbe commentato le nuove ipotesi fino a quando non avesse visto i risultati completi dell’indagine.

READ  regata iscrizioni, 2500 in volo per Baleari e Canarie - Corriere.it

– Leggi anche: La famiglia di Anne Frank ha cercato di fuggire negli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.