Il piano del governo cinese per “sviluppare la mascolinità” nelle scuole

Circa due settimane fa, il ministero cinese dell’Istruzione anno Domini un piano per migliorare i corsi di educazione fisica per ragazzi e ragazze nelle scuole. Il programma è stato presentato dopo che un alto funzionario del governo ha detto l’anno scorso che insegnanti donne e modelli della cultura pop avevano, tra le altre cose, reso i giovani uomini “deboli, effeminati e timidi”. Negli ultimi anni in Cina è emersa un’idea più rigorosa e conservatrice della mascolinità e, secondo molti critici, che ne discutono ampiamente anche sui social media, questo piano porterà più problemi che benefici.

Il nuovo piano del ministero dell’Istruzione mira a “rafforzare lo spirito e il fisico” di bambini e ragazzi che, secondo le autorità cinesi, sono diventati negli ultimi anni più “fragili e precari”. Pochi dettagli sono stati forniti nell’annuncio del programma, ma è stato chiarito che più insegnanti di educazione fisica saranno assunti nelle scuole elementari e medie e che verranno utilizzati metodi per “sviluppare la mascolinità” nei ragazzi. Il ministero ha affermato che l’obiettivo del programma è enfatizzare “lo spirito di questa“: Per semplificare, che tradizionalmente indica caratteristiche maschili.

Il programma è nato in risposta a una dichiarazione rilasciata lo scorso maggio da Si Zefu, alto funzionario della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (CPPCC), un organismo composto da diversi partiti e organizzazioni.

Secondo Si, era necessario “evitare la femminilizzazione dei giovani uomini”, perché negli ultimi anni i bambini erano diventati “deboli, effeminati e timidi” sia, secondo lui, per la forte presenza di insegnanti donne, sia per dei “ragazzi carini” della cultura pop. È stato anche sostenuto che i ragazzi sono troppo viziati dalle donne nelle loro famiglie e si sono lamentati di non voler più diventare eroi di guerra, sostenendo che questa tendenza potrebbe mettere in pericolo i cittadini cinesi.

Il New York Times Egli ha detto che negli ultimi anni i media statali cinesi hanno parlato di “crisi di mascolinità”, citando ad esempio il fatto che i giovani non sono più idonei alle carriere militari e attribuendo la loro “debolezza” alla mancanza di esercizio fisico, videogiochi e masturbazione . Un altro fattore che avrebbe reso i giovani meno indipendenti e più “viziati” – quindi meno “mascolini” – è la cosiddetta politica del figlio unico, in vigore dal 1979 al 2016 e che prevedeva che ogni coppia potesse avere un solo figlio. un solo bambino, per evitare la sovrappopolazione del Paese.

READ  In edicola al Fatto Quotidiano il 3 marzo: Dpcm, ancora tu. La scuola sacrificata. Draghi si sta nascondendo

Negli ultimi anni, attori e membri della boyband dall’aspetto curato sono stati definiti “bambine”, mentre, ad esempio, in alcuni programmi televisivi sono state chiamate “bambine”. buio le orecchie dei cantanti maschi che indossavano orecchini.

Allo stesso tempo, il governo ha incoraggiato L’idea che i ragazzi debbano diventare “veri uomini” si è diffusa anche attraverso i media pubblici, che ha convinto molti genitori ad iscrivere i propri figli ad allenamenti sportivi o campi di addestramento militare per ragazzi. Per trasmettere l’idea, un utente del popolarissimo social network cinese Weibo ha scritto che “è difficile immaginare ragazzi così effeminati in grado di difendere il proprio paese quando si profila un’invasione esterna”.

– Leggi anche: La prima università cinese nell’Unione europea

L’annuncio del nuovo piano del Ministero dell’Istruzione ha suscitato denunce e lunghi dibattiti anche su blog e social media. In effetti, dicono i critici, il programma è solo un altro esempio di come il governo cinese continui a perpetuare gli stereotipi di genere e la discriminazione sessuale.

Il piano non prevede esplicitamente un trattamento diverso per ragazze e ragazzi, ma secondo Liu Wenli, esperto di salute e educazione sessuale, professore alla Beijing Normal University, il programma potrebbe portare a ancora più casi di intimidazione legati all’espressione dell’identità. orientamento sessuale dei ragazzi. Liu ha scritto su Weibo che “gli educatori non possono parlare di prevenire il bullismo nelle scuole e allo stesso tempo alimentare lo slancio che lo promuove”. Un membro dello staff di una ONG che lotta per i diritti civili delle persone LGBT +, che ha preferito restare anonimo, Ha aggiunto che il piano manda anche il messaggio che essere donne è un errore e che “preoccuparsi che i ragazzi non siano abbastanza ‘mascolini’ discrimina l’espressione dell’identità femminile”. Inoltre, secondo molti osservatori, il concetto di mascolinità è centrale nei casi di abuso sessuale e violenza domestica.

READ  Coronavirus, contagi record in Germania e Svezia. Cifre senza precedenti negli Stati Uniti: 120mila casi nell'ultimo giorno

La discussione del programma è stata sollevata anche dalla televisione pubblica cinese CCTV, che ha utilizzato toni più tenui e un po ‘diversi da quelli che hanno promosso il piano. In un commento sul suo profilo Weibo, CCTV ha detto che i ragazzi esprimono lo spirito di questa anche attraverso “i modi, la mente e il fisico” e questo “non significa esclusivamente adottare un” comportamento maschile “”. Il commento della CCTV ha anche affermato che “l’istruzione non riguarda solo l’elevazione di” uomini “e” donne “, ma è più importante sviluppare la volontà di assumersi la responsabilità”.

– Leggi anche: Ginnastica radiofonica in Giappone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *