Un agricoltore sposta il confine tra Francia e Belgio: rischio di incidente diplomatico

La scoperta dell ‘”invasione” fu un appassionato di storia locale che, passeggiando nei boschi della regione, notò che la pietra che segnava il confine tra i due paesi era stata spostata. Per fortuna, l’episodio si è concluso senza incidenti, ma scatenando l’ironia da entrambe le parti. “Ha allargato il Belgio e più piccola la Francia, non è una buona idea”, ha commentato alla televisione francese TF1 David Lavaux, sindaco del villaggio belga di Erquelinnes. “Ero felice, la mia città era più grande – ha aggiunto sorridendo il sindaco belga – ma il sindaco di Bousignies-sur-Roc non era d’accordo”.

Il confine di 620 km tra Francia e Belgio è stato stabilito con il Trattato di Kortrijk, firmato nel 1820 cinque anni dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo. Delimitata da alcune pietre, la linea che separa Francia e Belgio non è mai cambiata da allora. Finora. Ora, le autorità locali belghe hanno contattato l’agricoltore per invitarlo a riportare la pietra nella sua posizione originale. Se ciò non accade, il caso potrebbe finire con il ministero degli Esteri belga, che dovrebbe convocare una commissione di frontiera franco-belga, che non si riunisce dal 1930.


READ  Omicidio Moise, politici e uomini d'affari convocati in accusa - Ultima Ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *