Coronavirus nel mondo, 2 positivi nella delegazione indiana al G7 in Gran Bretagna

Le morti per coronavirus in India sono aumentate di 3.780 nelle ultime 24 ore, un giorno dopo che il Paese è diventato il secondo al mondo, dopo gli Stati Uniti, a superare il tragico traguardo dei 20 milioni di contagi. Le infezioni giornaliere sono aumentate di 382.315.

Skynews: due casi di Covid nella delegazione indiana al G7

L’intera delegazione indiana ai ministri degli Esteri del G7, che si sta svolgendo a Londra in questi giorni, è in isolamento dopo che due dei suoi membri sono risultati positivi al coronavirus. Rapporti di Skynews. Il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar, che ieri ha avuto un incontro bilaterale con il ministro dell’Interno britannico Priti Patel, non è ottimista su Covid. Il G7 ha rappresentato il ritorno agli incontri internazionali faccia a faccia.

Australia, primo caso di Covid nel New South Wales dopo un mese

Lo stato più popoloso dell’Australia, il New South Wales, ha segnalato il primo caso di COVID-19 in più di un mese oggi. L’Australia ha ampiamente sradicato il virus, ma un uomo sulla cinquantina senza legami noti con gli hotel ha utilizzato per mettere in quarantena le persone che arrivano dall’estero, testato positivo per il coronavirus martedì, ha detto il ministero della salute di Sttao. L’uomo ha visitato diverse località nella periferia orientale di Sydney, la capitale del New South Wales e la città più grande dell’Australia: i test hanno mostrato che la sua carica virale era più alta del normale visto in altre persone infette, aumentando potenzialmente la possibilità che abbia diffuso la malattia. “Siamo preoccupati per questo”, ha detto ai giornalisti Kerry Chant, funzionario sanitario del NSW. Il caso aumenta le possibilità che le restrizioni sociali vengano nuovamente imposte nel New South Wales. Molte restrizioni sono state allentate con la diminuzione delle infezioni locali.

READ  Scienziato: `` Il segreto dell'immunità sta nelle cellule T ''

Stati Uniti, Biden: 70% vaccinato prima del giorno dell’indipendenza

Almeno una dose del vaccino al 70% degli adulti americani entro il 4 luglio, Giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti. Questo è l’obiettivo dell’amministrazione Biden. Negli ultimi giorni, la domanda di vaccini è diminuita drasticamente in tutto il paese, con alcuni stati che hanno lasciato più della metà delle loro dosi di vaccino inutilizzate. Biden chiede agli Stati di rendere disponibili i vaccini su base “walk-in” e solleciterà molte farmacie a fare lo stesso. L’obiettivo del presidente è fornire almeno una vaccinazione iniziale a 181 milioni di adulti e immunizzare completamente 160 milioni di persone entro il 4 luglio.

In un discorso della Casa Bianca ai cittadini americani, Biden ha detto: “Bisogna vaccinarsi, anche se per alcuni la possibilità di ammalarsi gravemente è bassa, perché correre il rischio? Potrebbe salvare la tua vita o la vita di qualcuno che ami “

Già più del 56% degli adulti americani ha ricevuto almeno una dose di un vaccino COVID-19 e quasi 105 milioni sono completamente vaccinati. Gli Stati Uniti stanno attualmente somministrando le prime dosi a un ritmo di circa 965.000 al giorno, la metà di tre settimane fa, ma quasi il doppio del tasso necessario per raggiungere l’obiettivo di Biden.

In Brasile quasi 300.000 vittime ma le infezioni stanno rallentando

Quasi tremila i decessi Covid registrati nell’ultimo giorno in Brasile: il numero dei decessi si è fermato a 2.966, contro 77.359 nuovi casi. Il numero totale delle vittime ha così raggiunto i 411.588, mentre il numero dei contagi è stato di 14,8 milioni. Nonostante il forte aumento di oggi, la curva epidemiologica rallenta ancora leggermente dopo che marzo e aprile sono stati i mesi più mortali di una pandemia aggravata dall’emergere di nuove varianti più infettive. La media giornaliera dei casi negli ultimi sette giorni è di 58.587, avendo superato i 77.000 al giorno a fine marzo, mentre il bilancio delle vittime si attesta intorno ai 2.300, avendo superato i 3.000 al giorno a metà aprile.

READ  Emilia-Romagna: 2.665 casi e 38 morti (16 a Modena). Un tampone positivo su 5 - Affari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *