Il più grande partito di destra spagnolo è stato decapitato in una rivolta per le maschere

Pablo Casado (r) ha visto il sostegno interno svanire di minuto in minuto e alla fine ha dovuto dimettersi in uno scandalo che ha scosso la Spagna per una settimana.foto dell’AEP

Avrebbe potuto facilmente diventare Primo Ministro l’anno prossimo. Invece, Pablo Casado (41) ha salutato mercoledì il Congresso spagnolo come leader del Partito popolare (PP), tra gli applausi degli stessi membri del partito che avevano perso la fiducia in lui. Il più grande partito di destra spagnolo è stato decapitato; è il culmine provvisorio di una rivolta di maschere che ha attanagliato il paese per una settimana.

La testa di Casado non sembrava essere sul ceppo all’inizio di questa settimana, ma quello di Isabel Ayuso (43 anni), il presidente regionale di Madrid. Giovedì, è stato rivelato che il fratello di Ayuso stava facendo soldi vendendo maschere per il viso a Madrid all’inizio della crisi del coronavirus, quando il mondo intero era alla disperata ricerca di dispositivi di protezione. Secondo Casado, erano 286.000 euro. Ayuso ha riconosciuto i legami commerciali della regione con suo fratello, ma li ha tenuti per sé a 56.000 euro. Anche il presidente del Madrid, che è immensamente popolare nella sua stessa città, ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’accordo.

La mediagenica Ayuso ha subito ribaltato le sorti: sono stati proprio i dirigenti del partito a comportarsi in modo vergognoso contattando un detective per indagare sulle pratiche finanziarie del fratello. Alla fine un detective non è mai stato assunto, ma Ayuso voleva vedere le conseguenze politiche. Importanti giornali di destra come ABC e il mondo si sono pienamente mobilitati per il voto di Madrid, così come le 3.000 persone che domenica si sono radunate presso l’ufficio del partito del PP per chiedere la partenza di Casado. Nello scandalo delle maschere, per lo più hanno visto un accordo Casado con un membro del partito che avrebbe potuto sfidarlo per la leadership.

READ  "Cado", poi la tragedia

Casado inizialmente ha rifiutato di muoversi, ma ha visto il supporto interno svanire di minuto in minuto. Un tentativo di riconciliazione non è mai stato preso sul serio da Ayuso. Sotto la forte pressione dei leader del partito, Casado ha finalmente gettato la spugna mercoledì, anche se potrebbe ufficialmente rimanere il leader del partito per un po’. Ayuso è ancora in piedi, ma non è certo al sicuro: il pm ha aperto un’indagine sugli affari finanziari del fratello.

Chi dovrebbe succedere a Casado? I capi del partito indicano Alberto Nuñez Feijóo (60 anni), l’attuale presidente della Galizia, una regione nell’estremo nord-ovest del paese. Feijóo, che rappresenta l’ala moderata all’interno del PP conservatore di destra, è stato menzionato anche nel 2018, ma in seguito ha fatto marcia indietro dopo un’elezione della leadership. Quattro anni dopo, ha il potere di vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *