Il primo ministro greco afferma che la collisione di un treno è il risultato di un “tragico errore umano” |  All’estero

Il primo ministro greco afferma che la collisione di un treno è il risultato di un “tragico errore umano” | All’estero

Tutto fa pensare che lo scontro frontale di un treno avvenuto mercoledì in Grecia sia stato il risultato di un “tragico errore umano”. Lo ha detto il primo ministro Kyriakos Mitsotakis. Il bilancio delle vittime dopo l’incidente ferroviario è di 38, ma dovrebbe aumentare ulteriormente.

Ci sono ancora 57 feriti in ospedale. Sei di loro sono in terapia intensiva. Relativamente molti giovani sono tra le vittime. Il Primo Ministro ha visitato il luogo del disastro e ha espresso le sue condoglianze alle vittime e ai loro parenti. Ha anche commissionato un’inchiesta indipendente sulla tragedia.

Nell’incidente sono coinvolti un treno merci e un treno passeggeri. Hanno guidato sulla stessa pista per chilometri prima di scontrarsi. Il capostazione della città di Larissa, incaricato di dare segnali, è stato arrestato con l’accusa di negligenza. Nega ogni colpa e indica un possibile guasto tecnico.

Dopo l’incidente, in Grecia sono in corso discussioni per scoprire se l’incidente avrebbe potuto essere evitato. Una protesta ad Atene è andata fuori controllo mercoledì sera. I manifestanti hanno lanciato pietre contro la sede della compagnia ferroviaria privata coinvolta Hellenic Train. La polizia ha perseguito secondo il quotidiano greco Kathimerini gas lacrimogeni e granate flash per disperdere la folla.

READ  contagi in calo in Germania e nell'Est, in aumento nei Paesi del Mediterraneo - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *