Il religioso iracheno al-Sadr minaccia di continuare l’occupazione dell’area parlamentare

Reuters

Notizie ONS

I sostenitori dell’influente religioso sciita Moqtada al-Sadr continueranno ad occupare l’area intorno al parlamento iracheno a Baghdad fino a quando le loro richieste non saranno soddisfatte. ha detto al-Sadr in una prima apparizione pubblica dal parlamento sabato scorso fu preso d’assalto.

Ha tenuto un discorso televisivo dalla sua base di Najaf. Una delle richieste è lo scioglimento del parlamento e l’indizione di nuove elezioni.

La politica irachena sta attraversando una profonda crisi a causa del dissenso all’interno di varie fazioni. Da quando Saddam Hussein è stato estromesso nel 2003, gli sciiti hanno fornito il primo ministro, i curdi il presidente ei sunniti il ​​presidente del parlamento. Ma dopo le elezioni dell’ottobre dello scorso anno, non è stato ancora raggiunto un accordo su chi dovrebbe ricoprire queste posizioni.

Opposizione extraparlamentare

Il partito di Al-Sadr è emerso come il più grande in queste elezioni, vincendo 74 seggi su 329. Tuttavia, a giugno ha ritirato i suoi parlamentari dopo non aver formato una coalizione con i partiti curdo e sunnita. Al-Sadr all’epoca disse che si sarebbe opposto alla formazione di un governo che non gli piaceva.

Altri partiti sciiti, che a differenza di al-Sadr hanno buoni legami con l’Iran, hanno successivamente proposto un candidato alla carica di primo ministro. È un alleato di un rivale di al-Sadr. In risposta a questa nomina, i sostenitori di al-Sadr hanno preso d’assalto il parlamento due volte, ferendo più di cento persone.

Pezzo di torta

Martedì, al-Sadr ha invitato i suoi sostenitori a lasciare il parlamento. Vuole che rimangano nella cosiddetta zona verde: l’area altamente sicura di Baghdad dove si trovano molte ambasciate ed edifici governativi.

Poi venne l’occupazione del parlamento una contromanifestazione In corso. L’Onu teme che lo stallo politico possa trasformarsi in violenza generalizzata. L’inviato olandese Hennis ha detto in precedenza che una piccola scintilla può “accendere” la situazione: “È una dura lotta per il potere: chi ottiene la fetta più grande della torta?

Queste sono le immagini dell’occupazione parlamentare di lunedì. All’epoca non si vedeva la fine dell’azione:

La fine dell’occupazione del parlamento iracheno non è ancora in vista: “Abbasso l’élite corrotta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.