Il repubblicano McCarthy non vincerà la maggioranza nel voto del presidente della Camera |  All’estero

Il repubblicano McCarthy non vincerà la maggioranza nel voto del presidente della Camera | All’estero

Il repubblicano Kevin McCarthy non è riuscito a ottenere la maggioranza nei primi due scrutini per il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Occorrono quindi diversi voti prima che ci sia un nuovo presidente.

McCarthy aveva bisogno di 218 voti per diventare presidente e succedere alla democratica Nancy Pelosi, ma ha ottenuto solo 203 voti nelle prime due votazioni per avanzare.

È la prima volta in cento anni che la Camera, l’equivalente statunitense della Camera dei Rappresentanti, ha bisogno di più voti per eleggere un nuovo presidente. Il più delle volte, il risultato è praticamente predeterminato.

Domani ci sarà un altro voto, che in teoria potrebbe produrre un nuovo successore. Altrimenti, ci sarà un altro voto. Di conseguenza, potrebbero volerci giorni prima che ci sia un nuovo presidente.

I repubblicani hanno ottenuto la maggioranza alla Camera a novembre, ma alcuni repubblicani ritengono che McCarthy, 57 anni, della California, sia un politico di alto livello che dovrebbe far posto a un candidato più schietto.

I lavori alla Camera dei Rappresentanti sono fermi fino all’elezione di un nuovo presidente. Ciò significa, tra l’altro, che non possono essere introdotte nuove leggi.

READ  Un sospetto (28) arrestato per l'omicidio di quattro studenti in Idaho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *