Djavan Anderson sul razzismo: “In Italia, negro di merda, in Olanda, ero Zwarte Piet ogni anno”

Djavan Anderson sul razzismo: “In Italia, negro di merda, in Olanda, ero Zwarte Piet ogni anno”

L’esperto di esperienza Djavan Anderson crede che il razzismo nel calcio italiano debba essere combattuto duramente. L’esterno destro (26) ora gioca nel PEC Zwolle, ma è sotto contratto con la Lazio e ha giocato per anni in Italia. Certo il problema del razzismo in Italia è grande, c’è solo un grande MA per lui. Secondo lui, l’immagine dell’Italia è pessima e nei Paesi Bassi c’è molto razzismo nascosto. “In Italia, dicono merda negro direttamente in faccia, ma al lavoro e a scuola vieni trattato come tutti gli altri. In Olanda dicono che non c’è razzismo, è tutto così bello e multiculturale, ma io andavo a scuola ogni anno Zwarte Piet”.


Di: Eimert Prussia

E così Anderson, nato e cresciuto nei Paesi Bassi, è cresciuto con il razzismo. All’inizio, si è confrontato con il fatto che ha un colore diverso perché ha radici surinamesi. L’ha sperimentato nei Paesi Bassi e in Italia e vorrebbe parlare con Sportnieuws.nl per dare un quadro più sfumato del razzismo in Italia. “C’è davvero un’immagine distorta in Olanda. Ho giocato a calcio in club del sud Italia e, a dire il vero, non ho mai sperimentato nessuna forma di razzismo lì. È diverso al nord, ho vissuto il contrario”.

Leggi anche: Gli intenditori del razzismo nel calcio italiano: ‘Così si ottiene quel piagnucolone’

Via Bari al Lazio
Nel 2017 Anderson, formatosi all’Ajax, si è ritrovato in Italia. “Sono rimasto senza club per 7 mesi quando improvvisamente ho avuto l’opportunità di fare uno stage a Bari. C’è voluto molto più tempo del previsto. Alla fine sono rimasti molto soddisfatti dopo 1,5 mesi e io ho preso un contratto di 3 anni dopo un anno dovevo già partire perché la società è fallita. Per fortuna ho fatto una buona stagione in serie B e interessavano i club di serie A. Poi ho scelto io stesso la Lazio”.


Anderson con la maglia di Baric

L’intero stadio sta facendo rumori da scimmia ad Anderson
Novara, Anderson ha sperimentato per la prima volta il razzismo nel calcio italiano. “Da qualche parte nel 1° tempo sono andato verso la linea laterale per una rimessa laterale. All’improvviso l’intero stadio emetteva rumori di scimmia. Uomini adulti stavano facendo mosse da scimmia verso di me. J Sono rimasto scioccato e ho guardato uno dei miei compagni di squadra dall’Africa. I disse: ‘Cosa sta succedendo? Facciamo l’uomo?” Rispose con un’alzata di spalle: “È normale qui”.

READ  Lipsia - Liverpool: 0-2 Champions 2020/2021. Risultato finale e commento della partita

Anderson segna il vincitore
Quindi il gioco è continuato e chi ha segnato il gol della vittoria? Anderson. “Era anche un buon modo. Ne ho tratto un po’ di forza. E no, non mi sono messo il dito in bocca mentre battevo le mani. Non volevo prestare loro alcuna attenzione. “

“Grande differenza tra nord e sud”
Anderson ha giocato per Bari, Salernitana e Cosenza e nel frattempo ha collezionato altre 9 presenze con la Lazio. Nota una grande differenza tra il sud e il nord Italia. “In realtà il razzismo l’ho vissuto solo al nord. Durante le partite e per strada. Quindi a Novara e anche all’Hellas Verona ho vissuto le cose peggiori. Un mio ex compagno di squadra ha giocato nel Verona e lì è stato anche battuto dai suoi stessi tifosi. . fischiò. Sentiva rumori di scimmie ad ogni partita. Molto intensi.


“Tutti i tifosi del Novara facevano versi da scimmia perché avevo la palla”

“La mamma si è innamorata”
Tuttavia, ha subito fatto sapere alla sua famiglia e ai suoi amici nei Paesi Bassi che il razzismo non è così grave nell’Italia (meridionale). “Anche mia madre aveva paura di venire all’inizio, ma si è davvero innamorata. La gente del sud è molto calorosa e accessibile, quindi ha vissuto l’Italia molto bene. Non ci siamo accorti dell’esistenza del razzismo lì. -basso”.

Koulibaly viene individuato
Ma ovviamente il razzismo c’è in Italia e nel calcio italiano, riconosce anche Anderson. Ad esempio Kalidou Koulibaly, grande giocatore del Napoli, si confronta ogni settimana. È scelto. Secondo gli esperti, perché tutto viene con lui e perché spesso reagisce emotivamente. “Possiamo prendere questo piagnucolone in questo modo”, pensano molti dei fan dell’avversario.

Anderson gli parla
“Ne ho discusso spesso con Koulibaly. In un momento del genere, non sai come reagire. Non è più da quel momento. Noi, come comunità nera, cerchiamo sempre di superarlo, ma ovviamente è molto difficile .”

“Sarebbe bello se TUTTI uscissero dal campo”
Contrasti duri, offensori e club. Questo, secondo Anderson, è il modo per combattere il razzismo nel calcio italiano. “Vorrei anche che tutti si fermassero una volta. Tutti lascino il campo. Non solo Koulibaly che lasci il campo. Se non lo sostieni, in realtà stai sostenendo le persone che sono razziste in questo momento. Succede troppo”.

READ  marito arrestato dai passanti e arrestato dalla polizia. Colpisci almeno 10 volte


“Sarebbe bello se tutti uscissero dal campo contemporaneamente in caso di razzismo”


“Ne ho parlato molto con Koulibaly”

“Se vai allo stadio a fare i rumori della giungla…”
“Dobbiamo solo agire in modo duro. Non solo le vittime devono fare qualcosa, specialmente le persone intorno a loro. Tutti devono contribuire. Prima di tutto, gli autori, ovviamente. Penso solo che se vai in uno stadio per fare la giungla rumori allora puoi non avrai mai più accesso a nessuno stadio del mondo E poi affronta i club Le multe dovranno aumentare e se succede più spesso i punti vanno sottratti Non è un caso se capita più spesso in un determinato club Club fare troppo poco”.

“Non proprio perché sono sotto contratto con la Lazio”
Anderson continua precisando di non averla vissuta nel sud Italia. “È grave, non perché sono sotto contratto con la Lazio. È al di sopra del mio lavoro. Se sono svantaggiato razzialmente lo dico. Quindi sono il primo ad aprire bocca”.

merda negro
Ammette che a volte gli altri giocatori in campo lo chiamano merda negro† “Questo tipo di pratica è quasi diventato normale, ma il razzismo non è normale. Penso che tu sia sottosviluppato. Quindi non hai idea della storia dell’umanità. Cerco di non prestarci mai attenzione in quel momento. Io vuoi che anche quella persona non ti dia da mangiare.”

“Te lo dicono in faccia, ma senza conseguenze”
Il succo della storia di Anderson è che il razzismo è molto grave in Italia, ma è più sfumato. E c’è una grande differenza tra l’Italia e l’Olanda e Anderson potrebbe trovare più bello come affrontano gli italiani rispetto agli olandesi. “Può sembrare assurdo, ma se mi dici in faccia che devo tornare nella foresta e non ti piace il mio colore, preferirei averlo che dietro la schiena. Lo apprezzo di più in questo modo in Italia.Lui non c’è la profilazione etnica.Dicono tutto in faccia, ma non ha conseguenze.


“Forse mi piace come stanno facendo gli italiani meglio degli olandesi”

Ogni anno Zwarte Piet
In Italia la vita può essere migliore per un nero che se lo stesso uomo vivesse in Olanda. “Se porto mio figlio a scuola in Italia, per esempio, sarà trattato come qualsiasi altro bambino. Qui in Olanda ero Zwarte Piet ogni anno da bambino”.

“Penso di essere davvero malato”
La visse a stretto contatto con il fratello nel campo del lavoro. “È una delle persone più intelligenti che conosco. Ha finito la pre-università e poi ha studiato, ma riceve una lettera con una domanda che è stata respinta in base al suo nome. Penso che sia davvero malato”.

READ  Nonostante una dolorosa vittoria in serata per Karim Benzema: l'attaccante del Real sbaglia due rigori | sport

In base a quello che puoi fare, non a causa del tuo colore
In Italia una cosa del genere è impensabile, pensa Anderson. “Ecco, vieni giudicato in base a quello che sai fare e non da dove vieni. Guardano alla mia prestazione, non al mio colore. L’allenatore mi posiziona sempre. Non è perché hai un colore che hai meno valore”.


“In Italia guardano alla mia prestazione, non al mio colore”

E per quanto riguarda i Paesi Bassi?
In Olanda tutti danno per scontato che l’Italia sia molto razzista e che in Olanda non sia tutto così male, dice Anderson. Ritiene pertanto che i Paesi Bassi dovrebbero prima esaminare se stessi. “Dicono che tutti siano i benvenuti. Come l’Olanda è così bella e multiculturale. Ma quando fai domanda per un lavoro, guardano il tuo nome e cognome e sei già indietro di 1-0. Dicono che il razzismo non esiste in l’Olanda, ma è molto peggio di quanto si pensi”.

Il calcio olandese ha di meglio
Anderson ne parla spesso con olandesi e italiani. È chiaro: entrambi non vanno bene. Il razzismo deve essere severamente represso. Ciò che riconosce è che il razzismo è molto meno comune nel calcio olandese che in quello italiano. “C’è ancora molto da vincere. In alcuni stadi non lanciano banane ogni partita”.

“Dobbiamo continuare a lottare, non arrenderci mai”
Lo vede nella mentalità di alcuni giocatori in Italia. “Penso che troppi giocatori pensino che sia diventato normale. Sono stanchi di reagire e fare qualcosa. Non hanno più voglia di razzismo. Si può davvero affrontare. Se ci arrendiamo con All Together, non andrà mai via Dobbiamo continuare a lottare, poi ci arriveremo davvero.




Azioni contro il razzismo in Italia

Eimert Pruis lavora sotto il sole spagnolo per Sportnieuws.nl. Il giornalista (video) si occupa principalmente dello sport in Spagna, del calcio spagnolo e italiano e delle Olimpiadi. Hai qualche consiglio? E-mail a [email protected]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *