Il rispetto delle regole e delle frasi non è per tutti

“Sono un tifoso dell’Inter”. La campagna pubblicitaria dei nerazzurri nei mesi immediatamente successivi a Calciopoli è stata, almeno secondo me, semplicemente spettacolare. Queste tre parole, o meglio l’ultima, hanno quindi assunto più concetti. Fare il tifo per l’amato non significava solo essere nella tua squadra preferita. Ma anche, visto il preciso contesto storico, una sorta di pretesa di essere persone oneste, pulite e perbene.

Caratteristiche precise, che negli anni sono sempre state evidenziate dalle società e dai tifosi del Biscione. Anche questo: “Ognuno ha la propria storia, noi abbiamo la nostra e ne siamo orgogliosi”, dichiarato con orgoglio nel 2017, è stato poi un evento successivo.

C’è. Lasciando da parte il calcio per un po ‘, sono una persona che porgi l’altra guancia nella vita di tutti i giorni il più a lungo possibile e penso davvero che il mondo sarebbe un posto migliore se tutti si aiutassero a vicenda. Senza questa arroganza e questa meschinità mascherata dall’astuzia, possiamo avere ragione sulle buone intenzioni. Non significa sempre dire di sì e assecondare gli altri in tutto e per tutto. Richiedi solo correttezza. E invece di andare oltre il concetto di “cosa ci fa” e “avevo anche i suoi soldi e il suo potere, avrei fatto lo stesso” cercando di essere sempre equilibrato e obiettivo.

Tutto questo preambolo, non ho bisogno di annunciare l’uscita del mio personalissimo libro del cuore. Ma solo ed esclusivamente per dire che il VAR, in occasione di Inter vs Juventus nel 2018, non poteva intervenire. Le regole, anche oggi, non lo permetterebbero. Pjanic su Rafinha non è stato un fallo rosso diretto. Quindi tornare su questo episodio sostenendo che l’occhio elettronico avrebbe dovuto sventolare il direttore di corso è sbagliato. E ciò significherebbe lanciare una campagna su base spuria. Attenzione: il bosniaco si è sicuramente meritato il secondo giallo. E poi il cartellino rosso. È stato un errore gravissimo, che sicuramente si è rivelato decisivo in questa specifica partita. E probabilmente anche per il risultato finale del campionato. Non ci saranno mai prove di confutazione. Ma se l’Inter di Spalletti avesse vinto contro la Juve – come meritava – forse il Napoli non avrebbe “perso lo Habs negli spogliatoi”. Prospettive. Ipotesi da discutere per giorni, settimane, anni.

READ  "Giocatori della categoria più provata, dovete capire come sono andate le cose"

Ma poiché l’onestà intellettuale è il fondamento del lavoro del giornalista (o almeno dovrebbe esserlo) e di tutte quelle persone che ancora apprezzano i sani principi, sembra giusto applaudire le iene. – molto buono, davvero – ma anche per sottolineare, ancora una volta, secondo i termini regolamentari, il VAR non ha potuto intervenire. Che poi l’audio offensivo sia sparito e che vengano sollevati nuovi sospetti, è un altro discorso successivo e conseguente su cui non intervengo.

Ma lascia che ognuno usi la propria testa, scopra la situazione e le regole attuali e passate e cerchi di fare un discorso obiettivo. Qualunque sia la squadra a cui appartengono. Almeno possono correggere i loro errori. E chi, parlando al mondo, si vanta di essere leale e rispettoso delle regole e dei giudizi, può, se ha sbagliato, tornare sui suoi passi. E non mostrare uno Scudetti revocato nel tuo locale

Perché dichiarare A, quindi comportarsi come B, è l’atteggiamento di chi ha meritato C.

VIDEO – HAKIMI EARLY TALENT: GUARDA COSA COMBINA (ANCHE IN DIFESA) 4 ANNI FA IN GIOVENTÙ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *