Il ritorno dei System Of A Down: due nuove canzoni per l’Armenia

“Probabilmente siamo l’unica rock band che ha i governi come nemici, l’unica rock band che è in guerra, ho scritto queste canzoni per aumentare il morale delle nostre truppe e degli armeni in tutto il mondo”: So Daron Malakian , il chitarrista dei System Of a Down, ha presentato al pubblico e alla stampa internazionale i due nuovi brani che segnano il ritorno sul palco del gruppo di alternative metal americano che da 15 anni non pubblica nuovo materialke.

Profondamente motivato dal recente conflitto tra Artsakh (Nagorno-Karabakh) e Azerbaijan, System Of a DownN- o Daron Malakian (chitarra, voce), Serj Tankian (voce), Shavo Odadjian (basso) e John Dolmayan (batteria ), tutti e 4 i discendenti dei sopravvissuti al genocidio armeno del 1915 – pubblicarono due nuove canzoni, Proteggi la terra e Umanoide genocidaz. Prodotto da Malakian, che ha anche scritto la musica e i testi, entrambi i brani sono ora disponibili in digitale. Le royalties derivanti dallo streaming e dalla vendita delle due canzoni vanno al Fondo Armenia.

Il mese scorso, John Dolmayan, profondamente scosso dal nuovo conflitto, ha inviato un messaggio ai tre compagni del gruppo: “Ho scritto ‘non importa cosa pensiamo gli uni degli altri, non importa quali siano i problemi sono sorti in passato, in parte perché quello che sta succedendo è più grande di System Of A Down e più grande di tutti noi … dobbiamo fare qualcosa per supportare la nostra gente. ‘”Insieme, a chiamata successiva, tutti i membri della band hanno espresso la stessa preoccupazione e concordato sull’importanza vitale di aiutare in un modo o nell’altro, nel modo che conoscevano meglio: la musica.

READ  Oroscopo di Paul Fox - Oggi sabato 12 settembre 2020 - Previsioni per Ariete, Toro, Gemelli e Cancro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *