Il sindaco francese si dimette dopo le minacce intorno all’AZC: “Poteva essere morto” |  All’estero

Il sindaco francese si dimette dopo le minacce intorno all’AZC: “Poteva essere morto” | All’estero

Il sindaco di una località balneare della Francia occidentale si è dimesso dopo continue minacce. Venivano da oppositori di un nuovo centro per richiedenti asilo.

“Le mie dimissioni sono una decisione personale, soprattutto dopo l’attacco incendiario alla mia casa”, ha detto in una nota il sindaco di Saint-Brévin-les-Pins, Yannick Morez. “Mia moglie ei miei tre figli non volevano che rimanessi sindaco dopo quello che è successo. Potevamo essere morti”, ha detto alla stampa regionale.

Il sindaco, che in città è anche medico, non solo si è dimesso ma ha anche fatto le valigie. Ha lasciato Saint-Brévin-les-Pins con la sua famiglia. “Ce ne andiamo dopo aver vissuto qui per 32 anni”.

Alla fine di marzo è stato commesso un incendio doloso presso la residenza del sindaco. Due auto completamente bruciate. Una parte della casa ha preso fuoco. Le foto mostrano il sindaco in piedi vicino ad auto distrutte e un muro parzialmente distrutto e in gran parte annerito. Le indagini sull’incendio sono ancora in corso, ma il sindaco è certo che dietro ci siano oppositori di una nuova AZC. In questi mesi il sindaco è stato minacciato e insultato. Ci sono state anche manifestazioni in cui sono venuti alle mani sostenitori e oppositori del centro per richiedenti asilo e la polizia è dovuta intervenire con gas lacrimogeni.

Il sindaco dice di non aver ricevuto alcun sostegno dall’alto. Ad aprile, ha chiamato un ministro per l’incendio doloso. “Da allora non è successo niente. Non ho tutele. Mi sono sentito abbandonato. È come se il governo ti avesse imposto un AZC e poi ti avesse detto: scoprilo da solo. Il prefetto locale contraddice in parte”. , abbiamo chiesto alla polizia di pattugliare la sua casa più spesso”.

READ  Bambino di 3 anni abbandonato con il suo cane al cimitero la vigilia di Natale, volevano i genitori

Asilo nido vicino alla scuola

Saint-Brévin-les-Pins ha accolto circa 400 richiedenti asilo dal 2016, senza grossi problemi. Ma di recente il governo ha deciso di spostare il rifugio in una nuova sede vicino a una scuola. Ciò ha portato a una serie di proteste, convocate, tra gli altri, dal partito di estrema destra Reconquest del politico Éric Zemmour. Alcuni mesi fa, uno dei partecipanti alle proteste di Reconquest ha anche preso parte alle proteste contro un nuovo centro per richiedenti asilo nella città di Callac in Bretagna. Questo comune ha quindi deciso di non creare un AZC.

Molti politici hanno reagito con sgomento alla partenza “forzata” del sindaco di Saint-Brévin-les-Pins. Il primo ministro Elisabeth Borne lo ha definito “molto scioccante”. “Proteggeremo meglio i nostri rappresentanti”, ha promesso.

Il presidente Macron ha definito le minacce “spaventose” e ha espresso il suo sostegno al sindaco. L’opposizione di sinistra in parlamento ha detto che il sindaco è stato “vittima del terrorismo di estrema destra”. La deputata di estrema destra Marine Le Pen ha definito “inaccettabile” la violenza contro i politici. “Le divergenze di opinione politica si risolvono in cabina elettorale o in tribunale”.


Citazione

Mi sono sentito abbandonato. È come se il governo ti imponesse un AZC e poi ti dicesse: scoprilo tu stesso

Ex sindaco di Saint-Brévin-les-Pins

READ  Ex membro uccide sei Testimoni di Geova e un feto ad Amburgo: "Polizia informata della malattia mentale dell'assassino" | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *