Il telescopio spaziale James Webb mostra “Baby Age of the Universe”

Le immagini di James Webb mostrano innumerevoli galassie estremamente distanti, ciascuna composta da miliardi di stelle. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, sono proprio i punti luminosi appena visibili ad essere di primario interesse per gli astronomi. Alcune di queste galassie sono così distanti che possiamo risalire fino a 250 milioni di anni dopo il Big Bang.

periodo del bambino dell’universo

“La luce di una tale galassia ha impiegato molto tempo per percorrere questa enorme distanza dalla Terra. Quindi vedi la luce iniziata molto tempo fa, miliardi di anni fa. Ciò significa che guardi indietro nel tempo e in una foto del genere puoi guarda come apparivano quelle galassie poco dopo il Big Bang”.

“250 milioni di anni” potrebbero sembrare ancora tanti, ma questa è l’infanzia del bambino, dice Schilling. “È come se avessi visto solo foto di te della tua infanzia e adolescenza e all’improvviso ricevo una foto un’ora dopo la tua nascita.” Spettacolare, lo chiama Schilling.

isola disabitata

Gli astronomi sono entusiasti dei dati forniti dal telescopio James Webb. Una pubblicazione scientifica dopo l’altra viene ora pubblicata. “È come arrivare su un’isola deserta con un gruppo di persone. Non sai ancora da dove iniziare la tua ricerca, ma sai che non finirai nei prossimi mesi. Nessuno se lo aspettava così tanto in anticipo. “

La vita sulla terra non cambierà di James Webb. “A volte paragono l’interesse per le galassie – l’origine dell’universo – con l’interesse delle persone per il proprio albero genealogico. Non è di alcuna utilità pratica sapere chi è il tuo lontano antenato, ma dà una sorta di soddisfazione sapere dove ti trovi. “. Questo telescopio ci permette di vedere cosa ha dato inizio a tutto, il Big Bang”.

READ  La Juve aspetta Suarez, ma a Barcellona è la resa dei conti. E Milik può sbloccare Dzeko

Non vedremo il big bang in sé, dice Schilling. “Il telescopio non sta cercando il giusto ‘tipo di radiazione’. Per rilevare l’energia del Big Bang, è necessario un radiotelescopio. È già successo. Chissà, un giorno potremmo combinare tutto in un ‘ storia di origine ‘coerente'”.

James Webb

Il James Webb (dal nome di un direttore della NASA ora deceduto) è stato sviluppato da Stati Uniti, Europa e Canada. Il telescopio spaziale è stato lanciato il giorno di Natale. È il successore del famoso telescopio spaziale Hubble, che sta volgendo al termine. A fine gennaio, dopo circa un mese di volo, il James Webb è arrivato sul posto di lavoro a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Dopo l’arrivo, tutti i sistemi sono stati testati e gli strumenti a bordo sono stati raffreddati, uno dei quali a una temperatura di 266 gradi sotto zero. Anche gli specchietti sono regolati. Raccolgono la luce che viene dall’universo e la inviano agli strumenti di misura.

Il James Webb ha diciotto specchi esagonali che siedono insieme, ma possono muoversi indipendentemente l’uno dall’altro per mettere a fuoco. Lo specchio è fatto di berillio, ricoperto da un minuscolo strato d’oro spesso 100 nanometri. È mille volte più sottile di un capello umano o di un foglio di carta. Il berillio è leggero, forte e può resistere al freddo estremo. L’oro permette allo specchio di vedere meglio la luce infrarossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.