Il vaccino russo Sputnik anche in Italia? Cosa pensano gli esperti

Il vaccino russo “ Sputnik V ”, che ha lasciato diversi dubbi tra gli esperti nella presentazione dei dati, potrebbe essere l’ancora di salvezza per le campagne di vaccinazione in Europa, visto lo stallo derivante dai ritardi nel consegna di dosi di Pfizer e Moderna. Da Bassetti a Ricciardi, ecco cosa pensano gli esperti.


Bassetti

“Considerando quanto sta accadendo con i vaccini che abbiamo approvato, Pfizer e Moderna, che al momento non ci permettono di ripararci con le dosi e l’annuncio di AstraZeneca che consegnerà una quantità minore di dosi, ovviamente avremo problemi con la campagna. Quindi penso che dobbiamo pensare a soluzioni alternative, l’Ungheria lo ha già fatto acquistando vaccini russi. Facciamolo anche noi. “Lo fa notare all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della clinica malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Genova e membro della cellula di crisi Covid-19 in Liguria”.Ci stiamo aprendo anche a questo vaccino che alla fine è molto simile a quelli di AstraZeneca e J&J perché utilizza un altro virus (adenovirus) come vettore. L’efficacia del vaccino russo, secondo i dati, non è scoraggiante. Adesso in emergenza l’obiettivo deve essere quello di vaccinare il maggior numero di persone e per questo servono dosi “, aggiunge lo specialista in malattie infettive.” Ogni soluzione è buona quando possiamo aumentare il numero di persone vaccinate – avverte Bassetti – poi nel 2022 arriveranno altri vaccini e potranno essere utilizzati anche perché non sarà una vaccinazione “una tantum”, ma dovrà essere ripetuta negli anni. Personalmente sono favorevole al vaccino russo e anche a quello cinese, controlliamo la sicurezza con le agenzie di controllo europee e italiane, e partiamo anche da soluzioni alternative ”.

READ  Chi era la donna misteriosa che ho incontrato sulla collina?

Andreoni

Visto lo stallo della campagna vaccinale italiana, conseguenza dei ritardi nell’erogazione delle dosi, si potrebbe rivolgere anche a “Sputnik V? “A mio parere, sì, sempre previa autorizzazione dell’EMA. I vaccini russi e cinesi sono stati ampiamente testati e provati e sono simili al vaccino AstraZeneca. Ora la nostra priorità è vaccinare rapidamente e possiamo farlo solo con centinaia di migliaia di dosi. Dobbiamo intensificare e farlo anche con altri vaccini. Lo fa notare all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Simit (Società italiana malattie infettive e tropicali) e responsabile delle malattie infettive del policlinico Tor Vergata di Roma.

prego

“Abbiamo bisogno della transizione all’EMA e della trasparenza dei dati, ma Non vedo alcuna restrizione al suo utilizzo in Italia“, spiega il virologo Fabrizio Pregliasco, professore all’Università Statale di Milano all’Adnkronos Salute. Il russo” è un vaccino dello stesso tipo di quello sviluppato da AstraZeneca – aggiunge – Abbiamo visto come È fondamentale avere una forte adesione alla campagna vaccinale, che i dati sulle sperimentazioni siano trasparenti e abbiano superato il controllo di EMA e AIFA “.

Ricciardi

Possibile che l’Italia si apra al vaccino russo “Sputnik V”? “Non fino all’approvazione dell’AIFA<<. Così risponde ad Adnkronos Salute Walter Ricciardi, docente di igiene all'Università Cattolica di Roma e consulente del ministro della Salute. Sulla necessità di avere più "armi" nella campagna vaccinale e non solo i due vaccini oggi disponibili, Pfizer e Moderna, "speriamo - avverte Ricciardi - che approvano AstraZeneca".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *