Vaccini, Conte: “Iniziative legali contro ritardi, gravi violazioni contrattuali”. Annuncio Arcuri: “Tre azioni contro Pfizer da lunedì”

“Le ultime notizie dai produttori di Vaccini contro il covid sono preoccupanti ”, inizia con queste parole il post pubblicato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul suo profilo Facebook. “Primo Pfizer-Biontech ha comunicato un rallentamento nella distribuzione ai paesi europei delle dosi di vaccino già programmate e questo penalizza i paesi che, come l’Italia, corrono più veloci: le regioni italiane sono costrette a rallentare il nuovo amministrazioni per garantire il richiamo di persone già vaccinate. Ma le notizie di ieri da AstraZeneca, il cui vaccino dovrebbe essere distribuito presto anche inUnione europea. Se la riduzione in 60% le dosi che verranno distribuite nel primo trimestre significherebbero che sarebbero state consegnate in Italia 3,4 milioni di dosi invece di 8 milioni ”, continua Conte.

Arcuri: “Le azioni di lunedì contro Pfizer” – La chiusura “preventiva” di AstraZeneca da un lato e i problemi di Pfizer dall’altro. Quindi il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri ha annunciato i prossimi passi nella riduzione delle consegne di vaccini da parte della multinazionale americana: lunedìDifesa statale avrà finito il anteprime legale e l’Italia farà causa alla Pfizer su tre canali. Da un lato, a costituzione in mora per inadempimento presentato in Italia, a esposto alle pm per potenziale danni alla salute e una richiesta a nome del governo italiano e delle regioni in Bar di Bruxelles per impostazione predefinita. “Finché le aziende non danno certezze definitive”, ha invece proposto il ministro Francesco Boccia, una coordinamento permanente tra lo Stato e le regioni. E ha chiesto a tutti “il massimo della solidarietà e del tono istituzionale”. “Siamo convocati – ha aggiunto – per ogni aggiornamento che il Commissario Arcuri dovrà comunicarci su vaccini, distribuzione e confronto con le aziende farmaceutiche”.

READ  Afghanistan, coordinamento Russia-Cina per la transizione. Merkel: "Continuare il dialogo con i talebani". Kabul, i miliziani bloccano l'accesso all'aeroporto

“I rallentamenti causano danni all’Italia” – Venerdì Astrazeneca ha reso noto problemi su una delle sue linee di produzione che rallenterà il ritmo delle consegne. L’Italia ha accordi con l’azienda farmaceutica britannica per la consegna di 40 milioni di dosi, di cui si prevede l’arrivo di 16 milioni già a marzo. Lo stesso Arcuri ha anche spiegato alle Regioni che la prima consegna di AstraZeneca, in caso di via libera dagli EMA, dovrebbe arrivare il 15 febbraio. Le altre due consegne preferirebbero essere programmate 28 febbraio e il 15 marzo. “Questa mattina il ministro Speranza e il commissario Arcuri hanno incontrato urgentemente i vertici di Astrazeneca Italia, che hanno però confermato la riduzione delle capacità produttive”, spiega il presidente del Consiglio nel suo incarico. “Questi ritardi di consegna costituiscono gravi violazioni contrattuali, che producono danno enorme in Italia e in altri paesi europei, con ripercussioni dirette sulla vita e sulla salute dei cittadini e sul nostro tessuto economico e sociale già messo a dura prova da un anno di pandemia. Useremo tutti gli strumenti e le iniziative legali, come già stiamo facendo con Pfizer-Biontech, per esigere il rispetto degli impegni contrattuali e tutelare la nostra comunità nazionale in tutte le sue forme.

Il caso AstraZeneca – Come sappiamo, il vaccino candidato sviluppato dalla prestigiosa università britannica era in pole position per l’approvazione. Ma il “pasticcio” della dose e mezza somministrato per un caso ad alcuni volontari (che si è rivelato più efficace delle due dosi previste dal protocollo) ha costretto i ricercatori a utilizzare questi dati per validare i risultati che hanno mostrato un’efficacia del 90%. Il vaccino è stato approvato perché noto in Gran Bretagna fine dicembre e in altri paesi successivamente proprio nella modalità a doppia dose, meno efficace ma testata su un numero sufficiente di persone per essere approvata dall’ente regolatorio britannico MHRA (Medicines and Healthcare products Regulatory Agency). Il composto – sviluppato con la tecnica del vettore virale – è quello attualmente allo stadio più avanzato in termini di revisione dell’autorizzazione da parte di Ema, che ha fissato una data per la risposta al 29 gennaio, anche se la decisione, che si vocifera, potrebbe arrivare 48 ore prima. La società ha affermato ieri che le consegne iniziali di vaccini non raggiungeranno gli obiettivi a causa di un problema tecnico di produzione: “Consegneremo decine di milioni di dosi a febbraio e marzo all’Unione europea, nel frattempo noi continuerà ad aumentare i volumi di produzione “, ha detto un portavoce.

READ  Modi ha perso le elezioni locali in India

Oltre 1,3 milioni di dosi somministrate – Nel frattempo, dall’ultimo aggiornamento, ad oggi sono state somministrate 1.343.880 dosi di vaccino. In totale gli italiani che hanno assunto la prima e la seconda dose sono 71.694. Le dosi date alle donne sono 846.217 e quelle agli uomini sono 497.663. 872.755 dosi vengono iniettate agli operatori sanitari, 322.922 ai non. – operatori sanitari, 135.251 dosi a clienti RSA e 12.952 a più di 80 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *