Il vertice sul clima in Egitto fa desistere le persone per la vergogna del volo |  clima

Il vertice sul clima in Egitto fa desistere le persone per la vergogna del volo | clima

Per molte persone che affrontano quotidianamente il cambiamento climatico, è un dilemma: sali su un aereo inquinante per il vertice sul clima in Egitto o segui il vertice da remoto tramite live streaming e media?

Per Greta Thunberg, rubare non è comunque un’opzione. L’attivista per il clima più famoso del mondo ha deciso di non recarsi al vertice sul clima in modo diverso quest’anno. Dopo il “blabla” che è stato il precedente vertice di Glasgow, dice, la 19enne svedese ha poca fiducia in questo tipo di incontri. In occasione del lancio di un libro a Londra, ha indetto il prossimo vertice, COP27, prima di tutto una piattaforma per il “greenwashing” e ha sostenuto un approccio molto più radicale.

Decine di migliaia di persone la vedono diversamente e se ne vanno. La rappresentante dei giovani Sarah Oey, ad esempio, anche se ha sentimenti contrastanti riguardo al furto. ,,Ma per avere un impatto, devi esserci davvero. Puoi dare alle persone una spintarella nella giusta direzione, specialmente nelle conversazioni personali”, dice.

Con il treno

La professoressa Heleen de Coninck della Eindhoven University of Technology, specializzata in politiche climatiche, ha deciso dopo qualche esitazione di saltare anche il vertice in Egitto. ,,Se fosse stato raggiungibile in treno, penso che avrei comunque bloccato qualche giorno in agenda. Perché c’è sempre molto da fare in una COP come questa”, afferma De Coninck. Se avesse dovuto fare diverse presentazioni lei stessa, sarebbe andata anche lei, ma gli inviti sono arrivati ​​in ritardo. Nel frattempo, la ricercatrice ha “insabbiato” il suo programma, dice. “In ogni caso, ci penso dieci volte prima di salire su un aereo.”

READ  Ondata di caldo senza precedenti in Italia, ma appena percettibile nei Paesi Bassi | All'estero

Scienziati e produttori di aeromobili sono impegnati nello sviluppo di velivoli elettrici.

De Coninck vede i vantaggi del contatto personale. “Penso che il rapporto dell’IPCC (il gruppo di esperti sul clima delle Nazioni Unite, ndr) a cui ho collaborato sarebbe stato ancora meglio se avessimo potuto essere più insieme come autori”.

Dinamico

Lo sottolinea anche l’eurodeputato Mohammed Chahim (PvdA), che visiterà l’Egitto. “Il fatto che vi riunite fisicamente crea una certa dinamica”. Non può essere fatto a distanza, dice. Chahim sottolinea che è proprio in un vertice sul clima che si raggiungono gli accordi sulla sostenibilità. “Ad esempio, se possiamo concordare a livello internazionale su come produrre acciaio sostenibile, allora si parla dell’8% delle emissioni totali di CO2”. Quindi un volo più o meno fa poca differenza secondo lui.

biciclette arancioni

Nella politica dell’Aia, i partiti che ritengono non necessaria la politica climatica sono i più criticati. Il deputato del PVV Alexander Kops si è recentemente chiesto sarcasticamente durante un dibattito se il ministro Rob Jetten (clima) andrebbe “con l’e-bike”. Jetten ha detto che la delegazione olandese viaggerà in modo ecologico, su biciclette arancioni.

Altre parti si sentono a disagio durante il volo, ma considerano la parte superiore abbastanza importante. “Molte misure che fanno bene al clima sono anche utili per contrastare l’attuale crisi energetica”, ha affermato Silvio Erkens di VVD.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *