Il talento di Kartta Luuk Taal (11) di Oud-Beijerland dimostra ancora una volta che in Italia è uno dei migliori al mondo

Il talento di Kartta Luuk Taal (11) di Oud-Beijerland dimostra ancora una volta che in Italia è uno dei migliori al mondo

Karter Luuk Taal – Foto PR

Se il karter Luuk Taal di Oud-Beijerland ha dimostrato una cosa a Lonato lo scorso fine settimana, è che è tra i primi al mondo nella categoria Mini. Nella Super Finale della Rok Cup, l’undicenne di Oud-Beijerland ha battuto più volte i piloti della Mini Rok.

Luuk è arrivato rispettivamente quarto, quarto, undicesimo e terzo delle quattro manche. E poi quell’undicesimo posto ha dato un quadro distorto perché era il risultato di un tempo di penalità di dieci secondi. Luuk l’aveva ottenuto grazie a un “avvio rapido”. Ma in realtà aveva tagliato il traguardo al secondo posto in gara.

Tuttavia, Luuk ha guardato indietro con soddisfazione al fine settimana. “Non è stato facile”, ha detto. “Ci sono stati parecchi ragazzi che hanno partecipato alla WSK e avevano già partecipato alla Rok Cup Super Final l’anno scorso. Il livello era piuttosto alto.

E in questa zona Luuk si è trovato più volte davanti. Possiamo quindi dire che il talentuoso sud-olandese è stato molto veloce sul circuito italiano. E pensare che doveva guidare una bici Vortex – una marca che normalmente non guida – e pneumatici LeVanto – una marca di pneumatici che normalmente non guida.

L’unica gara che è andata un po’ meno è stata la finale di sabato. “Ho iniziato decimo e dopo l’inizio avevo quindici o sedici anni, poi ho lottato per tornare al nono”, ha detto.

Dopo numerosi test durante gli allenamenti di giovedì e venerdì, il pilota ufficiale del marchio di kart Energy Corse ha subito mostrato la sua velocità. Nelle qualificazioni è arrivato secondo nel suo girone. Non era davvero sorpreso. “Ho visto durante l’allenamento che ero uno dei più veloci”.

READ  Il presentatore progressista Fabio Fazio deve lasciare il posto all'emittente pubblica italiana

Ma quando ha iniziato ad allenarsi giovedì, non ne aveva ancora idea. Luuk: “Non puoi mai stimarlo in anticipo. Ora guido un diverso tipo di motore, mentre normalmente guido un motore TM dal sintonizzatore motore MA. Ora ho guidato un Vortex da MA. Non sapevo ancora quanto fosse buona la moto, non sapevo che set di gomme avrei preso, perché un set è meglio dell’altro”.

Ma per Luke, tutto è andato abbastanza bene. Questo aumenta la sua fiducia per la prossima gara, la WSK Final Cup a Sarno tra una settimana. La stava aspettando con impazienza. “Sarno è il mio lavoro preferito. È molto veloce e ha molte curve veloci.

All’inizio di quest’anno, Luuk ha corso la più famosa competizione per kartisti della sua età durante la WSK. “E’ abbastanza difficile, perché il livello è molto alto, ma quest’anno sono già arrivato sesto a Sarno. Quindi è andata abbastanza bene. »

Pertanto, per la sua prossima gara, spera di poter finire di nuovo davanti. “Segretamente penso di avere la possibilità di salire sul podio”. Luuk ha una buona ragione per questo: “L’ultima volta a Sarno, ho iniziato la finale in 15ª posizione e sono arrivato fino alla 4ª posizione. Ad un certo punto ho fatto una mossa per P3 e sono stato spinto a lato. Mi ha messo sull’erba e sono arrivato sesto.

Luuk ringrazia tutti i suoi sponsor, il team ufficiale Energy Corse, la sua scuola che lo ha liberato per correre in Italia ei suoi genitori.

Karter Luuk Taal – Foto PR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *