Impicca la figlia al balcone per punirla, finisce in tragedia

Una donna di 23 anni impicca la figlia al balcone perché quest’ultima è stata “punita”: ha pianto troppo. Shock in Russia.

appende sua figlia al balcone
Ambulanza russa, screenshot di You tube

Tragedia in Russia per la morte della piccola Anastasia, cadde dal sesto piano dopo la punizione della madre.

La vicenda, riportata ieri dal Daily Mail, si è svolta a Saratov, nel sud-ovest del Paese, e il 23enne è responsabile del dramma. Anna Ruzankina, madre della vittima.

Secondo una prima ricostruzione, la donna, a causa del pianto del bambino, l’ha presa per la maglietta e l’ha appesa al balcone, per punirla.

Ad un certo punto, però, la maglietta della ragazza si strapperebbe, facendolo cadere dal sesto piano. Dopo lo schianto al suolo, la madre è scesa in strada per recuperare il corpo della piccola, immersa in una pozza di sangue, poi l’ha riportata in casa e poi ha cercato di rianimare la piccola, senza successo.

In seguito all’arrivo dei soccorsi e della polizia, allertata dai vicini, Anna Ruzankina è stata arrestata e accusata della morte del minore.

Impicca sua figlia dal balcone, orribili scatti fotografici

appende sua figlia al balcone
la polizia russa, screenshot di You tube

Le testimonianze dei vicini hanno ricostruito la scena della follia, dal momento in cui il bambino è sospeso nel vuoto, fino alla rianimazione vissuta dalla madre.

Le telecamere installate nell’area hanno ripreso anche dal balcone, situato al sesto piano.

Le immagini, molto sanguinose, mostrano la donna che tiene in braccio il bambino sospeso, che urla di terrore e chiedi alla mamma di non deluderlo.

-> LEGGI ANCHE Incidente mortale per un bambino di 1 anno. Una tragedia, un paese senza parole

-> LEGGI ANCHE Omicidio-suicidio, uccide la moglie poi il gesto estremo. Terra senza parole

READ  Il nuovo Medio Oriente derivante dall'accordo Israele-Emirati-Bahrein

Secondo le indagini, l’incidente è avvenuto dopo il 23enne è tornata ubriaca da una serata in discoteca. La donna, se giudicata colpevole, rischia fino a 21 anni di carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *