In Perù c’è il terzo presidente in una settimana

Il parlamento del Perù eletto Francisco Sagasti come nuovo presidente ad interim dopo quasi 24 ore senza un capo di stato. Manuel Merino, che ha prestato giuramento il 12 novembre dopo il cancellazione contestata del suo predecessore Martín Vizcarra, si era dimesso dall’incarico dopo meno di una settimana, costretto a farlo dopo giorni di manifestazioni che avevano provocato anche la morte di due persone. Il Perù ha quindi il terzo presidente in una settimana.

– Leggi anche: Cosa sta succedendo in Perù

Francisco Sagasti è un ingegnere e membro dell’unico partito politico che una settimana fa ha votato contro il licenziamento dell’ex presidente popolare Martín Vizcarra. Sarà il presidente ad interim del Perù a guidare il Paese alle elezioni dell’aprile 2021. La scelta di Sagasti dovrebbe allentare le tensioni nel Paese e porre fine alle proteste iniziate il 9 novembre con l’impeachment di Vizcarra che lo ha innescato che gli analisti hanno definito la peggiore crisi politica del Perù negli ultimi dieci anni.

Le proteste sono iniziate spontaneamente nella capitale Lima lunedì dopo il voto con cui il parlamento ha deciso di mettere sotto accusa Vizcarra, ma si sono estese a tutto il Paese, coinvolgendo in particolare i più giovani. La polizia ha risposto usando ripetutamente gas lacrimogeni e proiettili di gomma, ferendo dozzine di persone e ricevendo accuse di violenza e abusi. Dopo la morte di due persone negli scontri di sabato, tredici ministri del nuovo governo di Merino si erano già dimessi. Domenica Merino ha fatto lo stesso, con un messaggio in cui invocava “pace e unità per tutti i peruviani”.

READ  Coronavirus nel mondo: Putin si prepara a inviare il primo lotto di vaccini in Bielorussia

L’anno scorso, mentre il Perù ha affrontato una grave crisi economica e la pandemia di coronavirus, anche Vizcarra si è trovata nel mezzo di un’indagine sulla corruzione, su fatti relativi al tempo in cui era governatore della regione di Moquegua: e per queste accuse è stato dimesso dalle sue funzioni lunedì 9 novembre.

Testimoni ascoltati dai pubblici ministeri che indagavano su Vizcarra hanno affermato che tra il 2014 e il 2016, mentre era governatore, Vizcarra ha ricevuto 1.300.000 sol (circa 300.000 euro) in cambio dell’aggiudicazione di contratti di costruzione. Le accuse erano pubblicato sui giornali lo scorso ottobre, così come alcuni documenti riservati dall’ufficio del procuratore, e ha dato nuova forza agli oppositori di Vizcarra in parlamento, che in precedenza avevano tentato di approvare una mozione di impeachment contro di lui a settembre, senza successo. Vizcarra ha sempre definito le accuse infondate, ma quando il parlamento ha votato lunedì a larga maggioranza per la sua impeachment ha accettato la decisione e non si è opposto.

Il ritiro di Vizcarra, tuttavia, non è stato accettato dal pubblico. Non si sa se per un apprezzamento particolare nei suoi confronti, per l’esaurimento dovuto all’ormai cronica instabilità politica o perché pochi credettero alle ultime accuse, come riportato in un sondaggio di poche settimane fa. Inoltre, Vizcarra è stato rimosso dall’incarico con uno strumento costituzionale destinato ai casi di grave e provata insufficienza del presidente: le accuse a suo carico non hanno nemmeno avuto successo, per il momento.

Eventi si sono diffusi in altre città, ci sono stati i primi scontri con la polizia e venerdì alcune delle proteste di piazza più popolari degli ultimi vent’anni, ha scritto su Custode. Anche sabato, in molte città del Paese, si sono svolte marce e manifestazioni di ogni genere, terminate in più occasioni con scontri con la polizia. Durante le manifestazioni del sabato, due persone, una ventidue e una ventiquattro, sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco e decine di feriti. La polizia è stata accusata di non essere riuscita a gestire la situazione e di usare una violenza eccessiva contro i manifestanti.

READ  "Vaccino da aprile. Blocco? Non con questo presidente ..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *