In Sri Lanka è in corso un disastro ambientale

Nelle ultime settimane, cosa secondo le autorità locali dello Sri Lanka il peggior disastro ecologico nella storia del paese. Il 20 maggio, una nave mercantile che trasportava vari prodotti chimici ha preso fuoco al largo della costa occidentale dell’isola, non lontano dalla capitale Colombo, versando carburante e microplastiche che danneggiano la vita marina e si depositano sulle spiagge della regione. Le operazioni dei vigili del fuoco e della Guardia Costiera vanno avanti da più di dieci giorni e l’incendio a bordo della nave è stato ampiamente domato, ma ora la parte difficile è come e quando spostare il relitto: se la nave è affondata, l’impatto su la vita marina nella regione sarebbe ancora più grave.

Sono passati più di 10 giorni da quando la MV X-Press Pearl, immatricolata a Singapore, ha iniziato a prendere fuoco durante una crociera nell’Oceano Indiano. La nave trasportava circa 25 tonnellate di acido nitrico, idrossido di sodio e altre sostanze chimiche pericolose, oltre a 28 container di materie prime utilizzate per la produzione di sacchetti di plastica; inoltre, nei suoi serbatoi c’erano oltre 300 tonnellate di carburante.

L’equipaggio di 25 persone è stato immediatamente evacuato, ma le operazioni di spegnimento sono state complicate sia dai venti monsonici sia dal fatto che i materiali a bordo erano altamente infiammabili e hanno causato diverse piccole esplosioni. Dal 20 maggio la nave è ancorata a circa 9 miglia nautiche (16,7 chilometri) al largo del porto di Kepungoda, una ventina di chilometri a nord di Colombo, non lontano dalla spiaggia di Negombo, una delle località turistiche più famose della regione.

Il capo dell’Autorità per la protezione dell’ambiente marino dello Sri Lanka, Dharshani Lahandapura, Egli ha detto che probabilmente è “il peggior disastro ambientale nella storia del Paese”.

READ  Stati Uniti 2020: il ministro della Giustizia autorizza a indagare sulla "frode elettorale", ma il procuratore si dimette per protesta

Le sostanze chimiche rilasciate nell’incendio hanno contaminato l’acqua di mare e causato danni agli animali, principalmente pesci e coralli, nonché alle mangrovie della laguna, che potrebbero richiedere decenni per riprendersi. Le plastiche sono state spesso inghiottite dai pesci e depositate lungo le coste dell’ovest del Paese, da Kalutara a Negombo, dove da giorni gli operatori della guardia costiera stanno lavorando con diverse ruspe per rimuovere i detriti.

La pesca è stata vietata entro 50 miglia nautiche dal luogo dell’incidente e le autorità hanno avvertito i residenti di non toccare i materiali depositati sulle spiagge senza un’adeguata protezione, in quanto potrebbero essere molto tossici.

Secondo gli esperti, ci vorranno settimane o addirittura mesi per pulire completamente le spiagge dai detriti spazzati via dalle correnti.

Uno dei problemi principali è che la plastica già sparsa nell’oceano potrebbe ulteriormente frammentarsi e disperdersi nell’ambiente. spiegato a BBC avvocato e ambientalista Jagath Gunawarnadena. Allo stesso tempo, le autorità marittime sarebbero desiderose di spostare la nave più al largo nel tentativo di limitare i danni lungo le coste, ma per ora gli esperti si chiedono ancora se sia sicuro farlo e con quali metodi.

Secondo le autorità dello Sri Lanka, l’incendio è stato causato da una fuga di acido nitrico. Il governo ha promesso di avviare un’indagine sulla dinamica dell’evento e ha incaricato un gruppo speciale di polizia di interrogare il capitano e l’equipaggio della nave.

– Leggi anche: Le condanne per la gestione dell’ex ILVA di Taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *