In Cina, primo caso di influenza aviaria H1ON3 nell’uomo: cos’è, sintomi e come si trasmette

Ora che anche il Covid non è ancora del tutto debellato, e mentre la comunità internazionale si interroga sull’origine della pandemia, supponendo che il virus sia “fuggito” da un laboratorio cinese, l’incubo riappare in Cina influenza aviaria.

Il primo caso di virus H10N3 nell’uomo

UN Uomo di 41 anni nella provincia di Jiangsu, Cina orientale è stato confermato come il primo caso umano di infezione da un raro ceppo di influenza aviaria, noto come H10N3. L’uomo, residente nella città di Zhenjiang, è stato ricoverato in ospedale il 28 aprile e il 28 maggio gli è stato diagnosticato il virus H10N3.

La conferma ufficiale è arrivata dalla Commissione sanitaria nazionale di Pechino (Nhc). Ci sono molti diversi ceppi di influenza aviaria in Cina e alcune persone vengono infettate occasionalmente, quasi sempre persone che lavorano con il pollame.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha spiegato che “finché i virus dell’influenza aviaria circolano tra il pollame, l’infezione sporadica dell’influenza aviaria nell’uomo non è sorprendente, il che ricorda chiaramente che la minaccia di ‘una pandemia influenzale è persistente’ (Oms possibili pandemie del futuro secondo gli esperti).

Per ora, gli esperti hanno spiegato che non ci sono prove che l’influenza aviaria H10N3 possa diffondersi facilmente agli esseri umani e nessun altro caso di infezione umana con H10N3 è stato segnalato in tutto il mondo. Quindi nessun allarmismo, anche se giustamente i cinesi temono una nuova epidemia.

Virus H10N3, come si trasmette?

Quello che sappiamo è che H10N3 è a bassa patogenicità, il che significa che causa malattie relativamente meno gravi nel pollame ed è improbabile che causi un’epidemia su vasta scala.

READ  È morto Paolo Rossi, simbolo del Mondiale del 1982

Il ceppo scoperto “non è un virus molto comune”, ha detto all’ufficio regionale per l’Asia e il Pacifico Filip Claes, coordinatore del laboratorio regionale del Centro di emergenza per le malattie animali transfrontaliere dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

In 40 anni fino al 2018 sono stati segnalati solo circa 160 casi isolati di virus, principalmente negli uccelli acquatici o acquatici in Asia e in parti limitate del Nord America. H10N3 è stato isolato da un’ampia distribuzione geografica, anche da specie come il pollame domestico, come polli, anatre e altri uccelli acquatici e terrestri.

Virus H10N3, I sintomi

Gli studi esistenti mostrano che i virus dell’influenza H10 sono presenti in un’ampia distribuzione di specie di pollame domestico e selvatico, nonché di mammiferi, mostrando un potenziale di adattamento. Al momento non si sa nulla dei sintomi specifici.

Quello che si sa dell’influenza aviaria generalmente nota è che io… sintomi nell’uomo, di solito compaiono da 2 a 7 giorni dopo l’esposizione. I più comuni sono febbre, mal di testa, tosse, mal di gola, dolori muscolari e diarrea. Quindi quasi sempre assimilabile, almeno inizialmente, ad una normale influenza.

Tuttavia, le malattie associate all’influenza aviaria includono infezioni agli occhi, infezioni respiratorie, encefalite e in alcuni casi la morte.

Virus H10N3, cure e alimenti sicuri

Metti in chiaro che tutto prodotti a base di pollame, come carne di pollo e uova, se ben cotti possono essere mangiati senza problemi e non sono fonte di infezione.

Quanto alla cura, i trattamenti di base che vengono somministrati per l’infezione umana con l’influenza aviaria sono gli stessi utilizzati per il trattamento dell’influenza stagionale. In caso di infezione umana da influenza aviaria, i pazienti vengono trattati in isolamento per ridurre il rischio di diffusione.

READ  L'assassino di 91 anni a Torino è stato catturato durante la notte. Ecco i sei indizi che l'hanno incorniciato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *