In Ungheria, le coppie dello stesso sesso non potranno più adottare bambini

Martedì il parlamento ungherese ha approvato una fattura che impedirà efficacemente alle coppie dello stesso sesso di adottare bambini. Allo stesso tempo, è stato introdotto un emendamento costituzionale che limita il matrimonio all’unione tra un uomo e una donna e afferma che “il fondamento della famiglia è il matrimonio e il rapporto genitore-figlio. La madre è una donna, il padre è un uomo ”.

Potranno adottare solo le coppie sposate: quindi quelle composte da un uomo e una donna, poiché in Ungheria non esiste il matrimonio tra persone dello stesso sesso, anche se sono riconosciute alcune forme di unioni civili, che però non esistono non il diritto di adottare.

Prima dell’approvazione della nuova legge, le coppie dello stesso sesso avevano la possibilità di adottare bambini in Ungheria, sfruttando le possibilità concesse ai single. Tuttavia, il nuovo assetto, concentrando la famiglia sui ruoli “padre-madre” e permettendo solo a questi di adottare, ha fortemente limitato questa possibilità.

Sebbene la possibilità di adozione per le persone single non sia stata completamente esclusa, dovrà essere approvata dal Ministero della Famiglia, attualmente guidato dal curatore Katalin Novák. Secondo le associazioni LGBT +, sarà praticamente impossibile per una coppia omosessuale avere l’approvazione del ministero poiché a concederla verranno svolte indagini su chi ha richiesto l’adozione ei criteri per la concessione saranno quelli espressi in termini principio dalla nuova legge, che è stata inserita. nella Costituzione ungherese, che la famiglia è composta da un uomo-padre e una donna-madre.

La nuova legge è stata pesantemente criticata da gruppi LGBT + e per i diritti civili che hanno accusato il governo di Viktor Orbán di aver introdotto la regola approfittando di un momento in cui le proteste sono molto limitate a causa della pandemia di coronavirus. David Vig, direttore di Amnesty International in Ungheria, ha definito martedì 15 dicembre “un giorno buio per la comunità LGBT + ungherese e un giorno buio per i diritti umani”.

READ  bruciore di stomaco, poi tragedia

L’ufficio del primo ministro Orbán ha dichiarato martedì che il disegno di legge che vieta l’adozione dello stesso sesso mira “a rafforzare la protezione delle famiglie ungheresi e la sicurezza dei nostri bambini”. Per Vig, tuttavia, questa e altre recenti leggi promosse dal governo di Orbán per proteggere i valori tradizionali della famiglia sono “discriminatorie, omofobiche e transfobiche”.

Lo scorso maggio, il parlamento ungherese aveva approvato un’altra legge che ha impedito loro di cambiare l’indicazione del sesso all’ufficio dello stato civile e quindi sui loro documenti: la legge, infatti, ha posto fine al riconoscimento legale delle persone transgender e intersessuali, cioè di chi i cromosomi sessuali, i genitali o le caratteristiche sessuali secondarie non sono definibili esclusivamente come maschi o femmine. La proposta ha ottenuto 134 voti favorevoli, 56 contrari e 4 astensioni.

La legge faceva parte di un pacchetto più ampio proposto dal vice primo ministro il 31 marzo, in occasione della Giornata internazionale della visibilità transgender. È stato duramente criticato dall’opposizione e dai gruppi per i diritti LGBT +, sia ungheresi che internazionali.

Erano particolarmente preoccupati che la legge aumentasse la discriminazione nei confronti delle persone trans – data la frequenza con cui i cittadini sono tenuti a mostrare la loro carta d’identità – e delle persone LGBT in generale (lesbiche, gay, bisessuali, transgender). Molti erano anche preoccupati che avrebbe avuto un impatto su coloro che avevano già attraversato il processo di transizione, che termina con l’essere nel genere scelto, poiché sono necessarie registrazioni per indicare il sesso della persona alla nascita. Tuttavia, dal 2017, in Ungheria, le richieste di cambio di sesso presso il cancelliere sono state sospese.

READ  La metà degli insegnanti andrà in pensione entro i prossimi 15 anni. Solo il 6,4% ha meno di 35 anni. Il rapporto Eurydice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *