Infezioni da Covid, la Gran Bretagna inverte la tendenza

In tutta la Gran Bretagna, il parametro di contagio R0 è sceso sotto 1 e il premier Boris Johnson può tirare un sospiro di sollievo: la campagna di vaccinazione procede a ritmo sostenuto, il numero di morti è in calo, il numero di nuovi contagi è al minimo. Luglio e la terribile seconda ondata dell’epidemia sembrano essere finiti. Anche “Mr. Lockdown ”, l’epidemiologo Neil Ferguson che ha proposto una chiusura dopo l’altra, ha cambiato idea: già da maggio molte restrizioni potranno essere tolte e sarà possibile ricominciare a bere una birra al pub.

Criticati per non aver rispettato le misure di allontanamento e per aver inizialmente fatto affidamento su un’immunità collettiva illusoria, gli inglesi si stanno comportando meglio che in altri paesi europei, alle prese con ritardi, inefficienze e carenze di vaccini. In Gran Bretagna, il 95% degli over 70 è già stato vaccinato; I medici della City di Londra lamentano di non avere più pazienti anziani per somministrare la dose e chiedono di non perdere tempo e vaccini, accelerando così le procedure per i più giovani. Dopo i cinquant’anni sarà la volta degli insegnanti e della polizia, ed è probabile che ben prima della fine dell’anno ogni cittadino sarà tutelato dal Covid.

A metà gennaio c’erano 1.200 morti al giorno nel Paese, oggi sono meno di 300. Tre settimane fa i casi giornalieri erano 70.000, ora sono 15.000.Per stare davvero sereni bisognerà arrivare a meno di mille contagiati al giorno e l’obiettivo è ancora lontano. Ma tutto sembra andare per il verso giusto e Boris Johnson ha confermato la riapertura delle scuole per l’8 marzo: il ritorno alla vita normale sarà lento, ma avverrà comunque in un periodo più breve del previsto. Il merito è soprattutto il successo della campagna vaccinale, che ha permesso di mettere in sicurezza gli anziani allentando la pressione sugli ospedali e sul servizio sanitario nazionale, che ora può meglio curare i casi meno gravi e risolverli.

READ  Coronavirus, Germania: 952 morti. Francia: "Le varianti possono provocare un'onda molto forte". Il Portogallo prolunga il blocco fino al 14 febbraio

Come è spesso accaduto nella sua storia, la Gran Bretagna deve essere messa alle strette prima di poter reagire con forza e determinazione. Per nulla disposti a ricevere ordini su cosa fare quando dovevano rimanere a casa, gli inglesi prima pagarono il prezzo per scelte avventate e poi si radunarono a frotte per aiutare con la campagna di vaccinazione. Il Daily Mail ha raccolto le storie di molti di loro e tra queste spicca quella della volontaria che, trovandosi davanti alla madre ottantenne, le chiede ancora un documento comprovante la sua età e si rifiuta di parcheggiare l’auto . , dicendogli che non era compito degli assistenti fare queste cose.

La tempistica è estremamente delicata, in quanto nuove mutazioni del virus provenienti da Sud Africa e Brasile potrebbero ancora una volta aumentare il numero di contagi, ma il governo ha deciso misure molto restrittive, con multe elevate e pene che vanno fino a 10 anni di carcere per chiunque. mentire sul paese di origine durante i controlli alle frontiere. È allo studio anche un passaporto per le vaccinazioni, che consentirà ai britannici già protetti di poter andare in vacanza in sicurezza la prossima estate in paesi come la Grecia, che ha già annunciato di voler accogliere chi potrà dimostrare di essersi liberato. Covid a braccia aperte.

La Gran Bretagna ha finora vaccinato 14 milioni di persone, il 18,4% della popolazione, contro il 4,2% in Spagna e in Italia, il 3,9% in Germania e il 3,1% in Francia. La Merkel si è scusata con i tedeschi, il presidente della Commissione europea Ursula von den Leyen ha ammesso errori nell’ordinare i vaccini. Forse, per capire come farlo, dobbiamo rivolgerci a quei britannici che finora abbiamo solo criticato e deriso, quando hanno detto di voler lasciare un’Europa troppo inconcludente e disordinata.

READ  5 membri della stessa famiglia trovati morti, probabile omicidio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *