Indice Rt maggiore di 1 in sette regioni

Covid. La RT nazionale sale a 0,95 contro 0,84 della scorsa settimana. I dati provengono dal monitoraggio ISS-Ministero della Salute. Una regione (Umbria) e un PA (Bolzano) presentano un livello di rischio elevato secondo il decreto ministeriale del 30 aprile 2020. Sono dieci le Regioni / PPAA a rischio moderato (contro le 11 della settimana precedente) (di cui cinque ad alto rischio di progredire ad alto rischio nella settimana successiva )) e nuovi a basso rischio. E intanto, presumibilmente da domenica (ma bisognerà aspettare gli accordi definitivi), diventano arancia Toscana, Abruzzo, Liguria e Provincia di Trento, mentre il Sicilia diventa gialla, come confermato dal Ministero della Salute.

Regioni in movimento, divieti estesi ma ok per seconde case anche in zona arancio e rossa: ecco quando

La situazione delle regioni

Secondo il rapporto 7 Regioni / PPAA hanno un punto Rt maggiore di 1 anche all’interno del limite inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2, in aumento rispetto alla settimana precedente. Le altre regioni / PPAA hanno una RT una tantum compatibile con uno scenario di tipo uno. È aumentato anche il numero di Regioni / PPAA in cui sono stati segnalati allarmi di resilienza (11 contro 5 della settimana precedente). No.solo nella settimana di sorveglianza Covid in Italia Sardegna e Valle d’Aosta hanno un’incidenza settimanale inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti (soglia oltre la quale il servizio sanitario ha mostrato i primi segnali di criticità); al contrario, l’incidenza supera la soglia di 250 casi ogni 100.000 abitanti in tre casi: PA Bolzano (770,12 ogni 100.000 abitanti) PA Trento (254,85 ​​ogni 100.000 abitanti) e Umbria (283,28 ogni 100.000 abitanti). 100.000 abitanti). Resta sensibilmente stazionaria l’incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 giorni: 269,79 ogni 100.000 abitanti (25 / 1-07 / 2) contro 273,01 precedenti.

READ  "Abolite RT": perché le regioni rischiano la chiusura

La terapia intensiva

D’altra parte, il numero di regioni e province autonome che hanno un tasso di occupazione di unità e dipartimenti di terapia intensiva al di sopra della soglia critica è aumentato da 7 a 5. In terapia intensiva, il valore nazionale è inferiore alla soglia critica del 30%, al 24%. Il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è passato da 2214 (02/02/2021) a 2143 (09/02/2021). Anche in campo medico è in calo, passando da 20.317 (02/02/20201) a 19.512 (09/02/2021).

La “classificazione” di Rt

Ci sono 5 regioni con RT a 1.2 e Bolzano a 1.25. Ci sono nove regioni / PA con indice di trasmissibilità maggiore di 1 ma 7 (Abruzzo, Liguria, PA Bolzano, PA Trento, Puglia, Toscana, Umbria) hanno un punto Rt maggiore di 1 anche nel limite inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2 , in aumento rispetto alla settimana precedente.

Abruzzo 1.22
Basilicata 1.2
Calabria 0.81
Campania 0.8
ER 0.94
FVG 0.98
Lazio 0.96
Liguria 1.08
Lombardia 0.97
Cammina 0,94
Molise 1.09
Piemonte 0.93
PA Bolzano 1.25
PA Trento 1.2
Puglia 1.05
Sardegna 0.87
Sicilia 0.66
Toscana 1.1
Umbria 1.2
Valle d’Aosta 0.77
Veneto 0.71.

Ultimo aggiornamento: 15:07


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *