Israele: “80 missili da Gaza nella notte, per un totale di 4070”. Offensiva contro i tunnel di Hamas: “Distrutta”. Una tregua possibile in 48 ore

Di 80 razzi e proiettili di mortaio sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza nel territorio israeliano da 19 la scorsa notte. Le forze di difesa israeliane (Idf), spiegando che dieci razzi sono caduti all’interno di dalla stessa enclave palestinese (perché difettosa) e circa 90% di quelli diretti alle aree popolate erano intercettato dal sistema di difesa missilistica Iron Dome. L’ultimo si stava dirigendo poco dopo l’una del mattino verso la città di Kiryat Malachi e l’area circostante senza causare lesioni. Finora, secondo Israele, sono stati lanciati razzi dall’enclave palestinese 4070, Di cui 610 caduti nella fascia.

Nella notte anche ilaviazione di Tel Aviv ha effettuato una serie di attacchi a Gaza: l’esercito israeliano sostiene di aver distrutto il cosiddetto “metro”, la rete sotterranea di Hamas, un sistema di gallerie e bunker realizzati sotto il tessuto urbano della fascia. “Hamas ha trascorso l’ultimo decennio a costruire la rete di tunnel del terrore. In soli 5 giorni, l’abbiamo neutralizzato ”, si legge in un tweet delle forze armate israeliane, accompagnato da un video di propaganda. La casa di un comandante militare, una fabbrica di armi e altro trampolini di lancio razzi usati dal movimento islamico.

E Hamas comunica la sua intenzione di credere “imminente” il patto per una tregua con Israele. “Penso che probabilmente arriveremo a un cessate il fuoco nel i prossimi due giorni. Solo Dio sa quando i mediatori potranno raggiungere un accordo ”, ha dichiarato il numero due dell’ufficio politico, Mousa Abu Marzook, citato dal sito israeliano Ynet. “Possiamo combattere per mesi. Se Israele avesse lanciato un raid a terra nella Striscia di Gaza, avrebbe visto cose che non aveva mai visto prima “, ha aggiunto Abu Marzook, sostenendo che lo stesso governo di Tel Aviv” sta lavorando duramente per raggiungere questo obiettivo. Un cessate il fuoco “.

READ  Gli Stati Uniti non sanno se Hamas fosse davvero anche nella costruzione dell'Autorità Palestinese e nel bombardamento di Al Jazeera a Gaza

Secondo il giornale di Wall Street, che cita fonti vicine ai negoziati, i mediatori egiziani avrebbero realizzato “progresso” nei colloqui con la leadership palestinese. Anche perché Israele – scrive il quotidiano finanziario – ha anche ammesso di essere vicino al raggiungimento dei suoi obiettivi militari. Oltre all’Egitto, anche il Qatar e gli Stati Uniti stanno lavorando per una tregua. Anche un leader di Hamas citato dalla CNN parla di “atmosfera positiva”, “grazie al sostegno dei nostri fratelli egiziani e del Qatar”. Il presidente americano Joe biden ha chiesto al primo ministro israeliano Netanyahu “una significativa riduzione dell’escalation“, Fino ad ora inaudito di chiamata. L’ignoto è rappresentato dalla Jihad islamica palestinese: secondo un funzionario americano citato da WSJ, il gruppo è considerato un “jolly” e si ritiene che possa continuare a lanciare attacchi contro Israele anche dopo l’eventuale cessate il fuoco. La Casa Bianca non ha commentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *