Ita-Lufthansa: Ue stabilisce che il vettore può resistere per un anno. LAntitrust propone di ridurre rotte e voli

Ita-Lufthansa: Ue stabilisce che il vettore può resistere per un anno. LAntitrust propone di ridurre rotte e voli

Lunedì 25 Marzo 2024, l’Antitrust europea ha sollevato preoccupazioni sul matrimonio tra Ita e Lufthansa, affermando che potrebbe danneggiare la concorrenza nel settore dell’aviazione. Questa notizia ha scatenato una corsa contro il tempo per rispondere alle criticità evidenziate da Bruxelles entro il 26 aprile.

Lufthansa e il Tesoro italiano si stanno adoperando per trovare una soluzione alle questioni riguardanti i voli tra Italia ed Europa centrale, Nord America e Giappone, così come il sovraccarico aeroportuale a Linate. Tuttavia, i tedeschi non escludono la possibilità di riconsiderare la loro posizione se l’eventuale taglio delle rotte richiesto dall’Antitrust europea avrà un impatto negativo sui loro conti.

L’obiettivo principale è consolidare l’alleanza tra Ita e Lufthansa, pur mantenendo una concorrenza sana nel mercato. Gli analisti, tuttavia, sono preoccupati per la stabilità finanziaria di Ita in un contesto di incremento dei prezzi dei biglietti aerei.

Lufthansa mostra fermezza riguardo alle rotte a lungo raggio, in particolare per quelle tra Italia e Stati Uniti, dimostrando un atteggiamento poco incline a fare troppe concessioni. Margrethe Vestager, commissaria europea per la Concorrenza, ha respinto le accuse del ministro italiano Giorgetti riguardo al presunto blocco della creazione di campioni europei nel settore.

Lufthansa si è impegnata a rispondere ai rilievi dell’Antitrust europea entro il 6 giugno, presentando soluzioni alternative se necessario. L’obiettivo finale è chiudere la questione in modo sostenibile dal punto di vista economico entro la fine dell’anno, considerando eventuali scenari futuri come il ritorno di Msc o una futura riorganizzazione dell’alleanza con la compagnia tedesca.

READ  Hamelin Prog: La Consob accende un faro sulla borsa di Unicredit e Generali - Corriere della Sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *