Jakobsen resta in allerta per Groenewegen negli sprint di massa: ‘Certo se ci sono staccionate’

“Speriamo che questo non accada mai più”, continua Jakobsen, “non solo tra di noi ma anche tra di noi. Speriamo che tutti corrano solo uno sprint pulito e reale, perché alla fine è anche il modo migliore per vincere… non è così Non voglio neanche vincere da schifo, supponendo che fosse andata bene in Polonia e che avessi potuto frenare, non sarebbe stata comunque una grande vittoria per lui.

arriva a Parigi

Nel frattempo, Jakobsen attende con impazienza il suo debutto nel più grande spettacolo ciclistico dell’anno. Ha completato un periodo di allenamento di 2,5 settimane nella Sierra Nevada, per dargli le basi per completare il Tour. E nelle ultime settimane ha affinato la sua forma con alcune piccole competizioni in Belgio.

Il suo obiettivo? Vinci una tappa. E la sua migliore occasione sarà nella settimana di apertura.

“Penso che il Tour possa essere suddiviso in pezzi: la prima parte è lo sprint, chiamiamo la seconda parte la parte di Julian Alaphilippe nella squadra e poi la scorsa settimana ci sono anche gli sprint. Ma poi devo arrivarci. vai per esso.”

Il suo sogno? Vincere sugli Champs-Élysées. “Voglio arrivare a Parigi. C’è uno sprint reale verso l’Arco di Trionfo”. L’ultimo olandese a vincere lì, nell’ultimo giorno del Tour 2017? Esatto, Dylan Groenewegen.

READ  Sorpresa, Sinner in finale a Miami con il suo compagno di doppio (e grande amico)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.