Joe Biden ha cambiato una regola che impediva il finanziamento federale per le organizzazioni per l’aborto

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annullato il divieto, voluto dal suo predecessore Donald Trump, di erogare fondi federali a organizzazioni non governative internazionali che praticano l’aborto, o anche semplicemente offrono informazioni al riguardo. La regola, nota come “Politica di Città del Messico”, era stato introdotto da Trump nel 2017. In precedenza, era stato introdotto dell’amministrazione Ronald Reagan nel 1985 e poi ha sempre diviso repubblicani, che tendono ad avere posizioni anti-aborto, e democratici: Bill Clinton lo ha eliminato nel 1993, George W. Bush lo ha restaurato nel 2001 e Barack Obama lo ha eliminato di nuovo nel 2009.

La “Politica di Città del Messico” è così chiamata perché è stata annunciata alla Conferenza internazionale delle Nazioni Unite sulla popolazione tenutasi a Città del Messico nel 1984. I suoi oppositori, tuttavia, la chiamano con un altro nome, ovvero “Global Gag Rule”, letteralmente “global gag rule “, poiché colpisce anche le organizzazioni che non praticano direttamente l’aborto ma si limitano a fornire informazioni sulle donne. Secondo gli oppositori della legge, uno degli effetti della “politica di Città del Messico” è aumentare il numero di aborti clandestini (e spesso pericolosi) perché vengono danneggiate anche le campagne di informazione sulla contraccezione.

– Leggi anche: In Polonia è entrata in vigore la contestata legge sull’aborto

Biden Lui decise anche una revisione di alcune regole, sempre volute da Trump, che impediscono l’erogazione di determinati fondi anche alle cliniche americane che offrono informazioni sull’aborto.

READ  Il tribunale polacco ha ordinato a due accademici di scusarsi per aver accusato l'uomo di complicità nell'Olocausto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *