Jonker spera che Orange si riprenda poco prima del duello cruciale: “Non posso fare magie” ORA

Jonker spera che Orange si riprenda poco prima del duello cruciale: “Non posso fare magie” ORA

Quattro giorni prima della partita cruciale delle qualificazioni ai Mondiali contro l’Islanda, le Orange Women giocheranno un’amichevole contro la Scozia. Dopo un Campionato Europeo deludente, il nuovo allenatore della nazionale Andries Jonker spera di vedere l’Olanda riprendere venerdì, anche se sottolinea di non essere un mago.

Conoscersi, allenarsi, discutere, consultarsi e riflettere sul modo di giocare, sulla composizione e sui capitani. E tutto questo in nove giorni, sotto la tensione dell’importante partita di qualificazione ai Mondiali contro l’Islanda di martedì prossimo.

Il compito del nuovo allenatore della nazionale Jonker con le Orange Women può essere descritto come un lavoro urgente. Lunedì, il successore licenziato Mark Parsons era sul campo di allenamento per la prima volta.

Con sette allenamenti e un’amichevole internazionale, Jonker sta facendo di tutto per controllare la squadra arancione per la partita più importante dei prossimi mesi. Il duello con l’Islanda va vinto per la qualificazione diretta ai Mondiali del prossimo anno in Australia e Nuova Zelanda. In caso contrario, restano i play-off. Sarebbe un duro colpo per il finalista perdente della Coppa del Mondo di tre anni fa.

Il primo test per Jonker e l’Olanda seguirà venerdì, quando la squadra degli Orange giocherà una partita di allenamento contro la Scozia alle 20:00 a Zwolle. Nonostante il deludente Campionato Europeo, in cui il campione in carica è stato eliminato ingloriosamente nei quarti di finale, Jonker ha lasciato molto con il primo. Ha scelto gli stessi nomi di Parsons nel Campionato Europeo e ha persino raggiunto la retrocessione Shanice van de Sanden e Kika van Es tornano nella selezione.

READ  da Dzeko a Osimhen ecco i giocatori colpiti dal Covid, "bolle" scoppiate a causa delle vacanze - Corriere.it

Jonker ha fatto principalmente questo in modo da poter giocare undici contro undici in allenamento ogni giorno. “Non ho tempo per passare attraverso un lungo processo per capire cosa funziona meglio. Deve succedere ora”, ha detto lunedì dopo la sua prima sessione di allenamento a Zeist. “Ecco perché non è stato così difficile.”

Il nuovo allenatore della nazionale Andries Jonker ha riportato Shanice van de Sanden in nazionale, tra le altre cose.


Il nuovo allenatore della nazionale Andries Jonker ha riportato Shanice van de Sanden in nazionale, tra le altre cose.

Il nuovo allenatore della nazionale Andries Jonker ha riportato Shanice van de Sanden in nazionale, tra le altre cose.

Foto: Scatti professionali

Jonker spera in un nuovo slancio all’Orange

Per Jonker, l’amichevole contro la Scozia è dominata da quella contro l’Islanda. Non poteva dire lunedì chi avrebbe giocato e chi avrebbe indossato la fascia da capitano. Dopodiché, non era più disponibile per la stampa. Ad esempio, il fatto che Vivianne Miedema non sia del tutto in forma è un punto interrogativo. “Ma si spera che l’entusiasmo, lo slancio e il calcio siano un presagio di dove vogliamo andare”, ha aggiunto. “Ma non posso fare magie.”

Con il suo approccio diretto e il suo modo chiaro di comunicare, Jonker ha già fatto impressione durante i suoi primi giorni in Zeist. Dopo il ritardo con il loquace e poco chiaro Parsons, i giocatori avevano bisogno di chiarezza. “Quindi non hai più punti interrogativi e devi lavorare il moccio davanti ai tuoi occhi. Quindi non ci sono più domande: cosa dovrei fare qui e cosa là?” Van ha detto di Sanden, per esempio.

Ha aiutato i giocatori negli ultimi giorni il fatto che Jonker non volesse più sentire nulla sull’Europeo. Inoltre non ha voluto parlarne con la stampa, poiché non conosce i dettagli del torneo fallito. L’ex braccio destro di Louis van Gaal voleva soprattutto ricominciare. “Non si tratta di ciò che è successo. Si tratta di ciò che penso debba essere fatto”.

READ  Gary Lineker tornerà come presentatore della BBC sabato dopo la storia del tweet | Media

Jonker è stato particolarmente soddisfatto dell’atteggiamento dei giocatori dopo il suo primo giorno di lavoro. “Sono contento che lo vogliano perché conferma che ho fatto la scelta giusta. Non si tratta tanto di pensare che sia chiaro”.

Con l’arrivo di Jonker, la fiducia dell’Orange in un buon risultato contro l’Islanda è cresciuta. Era diverso alla fine di luglio dopo l’Europeo. “Abbiamo una squadra che può battere l’Islanda”, ha detto spavaldamente il fuoriclasse Miedema. I primi contorni dovrebbero prendere forma di fronte alla Scozia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *