Jort Kelder e Arjen Lubach in tribunale contro Google per pubblicità ingannevole |  Affiggere

Jort Kelder e Arjen Lubach in tribunale contro Google per pubblicità ingannevole | Affiggere

Jort Kelder, insieme all’imprenditore di Internet Alexander Klöpping e al pubblicista Willem Middelkoop, affronterà Google in tribunale oggi ad Amsterdam. Insieme al presentatore Arjen Lubach, gli uomini hanno avviato procedimenti legali contro l’azienda tecnologica americana a causa di annunci fraudolenti di bitcoin in cui sono stati abusati volti di famosi olandesi.

“Vogliamo impedire a Google di pubblicare annunci indesiderati in futuro. Google deve filtrare tutti gli annunci falsi e loro non ne hanno voglia”, riassume Kelder. “Google ha inviato un intero team per il processo. Se perdono questo caso, è il siluro del loro modello di business. Quindi producono acqua.

Noti querelanti stanno trascinando un certo numero di vittime in tribunale. “Persone che hanno perso i loro soldi, in modo che le vittime abbiano una faccia. I loro danni devono semplicemente essere risarciti e questi danni ammontano a milioni. Penso solo che un’agenzia pubblicitaria dovrebbe assumersi questa responsabilità.

Danno alla reputazione

La battaglia legale di Jort Kelder e Alexander Klöpping contro Google è iniziata nel 2019. Kelder: ,,Abbiamo fatto uno show televisivo insieme. Continuavo a ridere di Alexander perché il suo nome veniva usato in modo improprio. Poi è stato il mio turno. In un certo senso la mia somiglianza è la più usata: all’infinito. Ho ricevuto decine di esempi da ogni parte. Kelder parla di danno reputazionale. Sta facendo causa a Google per motivi di politica per impedire che il suo nome venga utilizzato in modo improprio. “Durante l’estate del 2019, sono stato spesso avvicinato e insultato verbalmente per strada con commenti del tipo: ‘Hey Kelder, bello in bitcoin?'”

READ  "Gijs Groenteman è saltato davanti alla porta, quindi Marc-Marie Huijbregts e Aaf BC hanno litigato"

Gli annunci sembrano contenuti editoriali. “La tragedia è che è solo un furto”, continua la conduttrice. “Le vittime che fanno clic sugli annunci falsi finiscono in un locale caldaia con ragazzi da tutto il mondo che ti convincono a investire. Continuano a perseguitare le persone fino a quando gli ultimi soldi non vengono estorti all’ignaro investitore.

Jean de Mol

Nel 2020, John de Mol ha incontrato a pagamento con Facebook su annunci falsi simili. “Da allora Facebook è diventato più abile nel filtrare”, afferma Kelder. “Non siamo ancora stati in grado di farlo in Google. Google afferma di filtrare l’80% degli “annunci errati”, ma l’altro 20% è costituito da entrate multimilionarie. Il requisito che chiederemo è che tu possa non fare più pubblicità anonima su Google con un account falso.

Kelder ha presentato una denuncia simile contro Twitter. Presterà servizio ad Amsterdam venerdì 18 marzo.

Ascolta anche il podcast di AD Media:


Guarda i nostri video di spettacoli e intrattenimento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *