Juve, bollettini CM: Ronaldo e Morata a vuoto, errore fatale di Chiellini. Si salvano solo Danilo e Chiesa | Prima pagina

Una Juve lenta e prevedibile, che contro un Napoli largamente rielaborato non va al di là di poche sporche occasioni. Ronaldo e Morata hanno pareggiato a vuoto, lo swing di Chiellini in zona costa caro. Si salvano solo Danilo e Chiesa. Questi sono i bollettini di Calciomercato.com.

Napoli-Juventus 1-0
Juventus

Szczesny 6: fuori luogo, non è richiesto altri interventi
Quadrato 5.5: dura poco e poi si fa male, ma nei primi 45 minuti sembrava fuori dai giochi (1 ° Alex Sandro 6: prestazione concreta, da quando è entrato ha fatto sua)
Da Ligt 6: piuttosto roccioso, non gli passi accanto
Chiellini 5: l’errore c’è ed è grave. Poi inizia a fare quello che fa sempre, evitando almeno due situazioni molto pericolose. Ma questo schiaffo costa una sconfitta
Danilo 6.5: è forse il migliore della Juve, sempre più certezza
Bernardeschi 5: per necessità più che per scelta, l’ennesima occasione, puntualmente sprecata (17 ‘st McKennie 6: breve ma le sue condizioni sono chiaramente in declino, avrebbe bisogno di riposare ma le circostanze non lo consentono)
Bentancur 6: Non è a centrocampo che la Juve soffre, ma non va oltre i compiti (28 ‘st 5.5 Spese: un pezzo sulla fascia destra, una mossa che non porta particolari effetti positivi)
Rabiot 5.5: vedi Bentancur, servizio diligente ma ogni volta che serve qualcosa di più i francesi non lo forniscono mai
Chiesa 6.5: ha merito di provare, crea superiorità numerica, è una spina nel fianco
Morata 5: un bel tremolio all’inizio del gioco poi si perde
Ronaldo 5: in un modo o nell’altro li ottiene, ma li fallisce tutti, anche palesemente come quando si china verso Meret per mezzo metro

READ  Inter, l'arrivo di Vidal cambia ancora una volta i piani di Nainggolan: il Cagliari spinge, l'ultimo | Prima pagina

Tutto. Pirlo 5: La Juve arriva a Napoli senza forze, fisiche forse anche mentali. Il tour de force è impegnativo, nel complesso lo 0-0 sarebbe stato più giusto, ma è un passo indietro inaspettato. E questo per questo dovrebbe farci riflettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *