Juve, bollettini CM: Ronaldo e Morata a vuoto, errore fatale di Chiellini. Si salvano solo Danilo e Chiesa | Prima pagina

Una Juve lenta e prevedibile, che contro un Napoli largamente rielaborato non va al di là di poche sporche occasioni. Ronaldo e Morata hanno pareggiato a vuoto, lo swing di Chiellini in zona costa caro. Si salvano solo Danilo e Chiesa. Questi sono i bollettini di Calciomercato.com.

Napoli-Juventus 1-0
Juventus

Szczesny 6: fuori luogo, non è richiesto altri interventi
Quadrato 5.5: dura poco e poi si fa male, ma nei primi 45 minuti sembrava fuori dai giochi (1 ° Alex Sandro 6: prestazione concreta, da quando è entrato ha fatto sua)
Da Ligt 6: piuttosto roccioso, non gli passi accanto
Chiellini 5: l’errore c’è ed è grave. Poi inizia a fare quello che fa sempre, evitando almeno due situazioni molto pericolose. Ma questo schiaffo costa una sconfitta
Danilo 6.5: è forse il migliore della Juve, sempre più certezza
Bernardeschi 5: per necessità più che per scelta, l’ennesima occasione, puntualmente sprecata (17 ‘st McKennie 6: breve ma le sue condizioni sono chiaramente in declino, avrebbe bisogno di riposare ma le circostanze non lo consentono)
Bentancur 6: Non è a centrocampo che la Juve soffre, ma non va oltre i compiti (28 ‘st 5.5 Spese: un pezzo sulla fascia destra, una mossa che non porta particolari effetti positivi)
Rabiot 5.5: vedi Bentancur, servizio diligente ma ogni volta che serve qualcosa di più i francesi non lo forniscono mai
Chiesa 6.5: ha merito di provare, crea superiorità numerica, è una spina nel fianco
Morata 5: un bel tremolio all’inizio del gioco poi si perde
Ronaldo 5: in un modo o nell’altro li ottiene, ma li fallisce tutti, anche palesemente come quando si china verso Meret per mezzo metro

READ  MSI mostra il teaser del monitor ultrawide da 49 pollici con pannello QD OLED e frequenza di aggiornamento di 240Hz - Informatica - Notizie

Tutto. Pirlo 5: La Juve arriva a Napoli senza forze, fisiche forse anche mentali. Il tour de force è impegnativo, nel complesso lo 0-0 sarebbe stato più giusto, ma è un passo indietro inaspettato. E questo per questo dovrebbe farci riflettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *