La commedia casalinga che piace a tutti

Caricamento del lettore

Una nuova serie comica uscita pochi giorni fa su Netflix sta ricevendo molti apprezzamenti entusiasti e commenti da parte di critica e pubblico: si chiama Dentro e il trentenne americano Bo Burnham lo ha fatto, pensandoci e portandolo completamente a casa durante l’anno e oltre la pandemia. Ma è qualcosa di molto diverso da tutto quello che si è visto in questi mesi di streaming di contenuti audiovisivi domestici, per l’inventiva nell’uso delle luci, nelle riprese e nel montaggio, e per il formato narrativo originale e raffinato.

Oltre a parlare di isolamento, Dentro discute molte altre cose, molto spesso attraverso le canzoni (è uno spettacolo molto musicale): dal dibattito culturale e politico americano al ruolo delle tecnologie nelle nostre vite, per soffermarsi a lungo sulla depressione e sulla salute mentale in generale. Con alcuni momenti molto divertenti e altri che utilizzano toni e approcci abbastanza profondi, spesso anche cupi.

Burnham è nato nel 1990 e ha compiuto 30 anni durante la pandemia, come documenta in un momento dello spettacolo (“speciale” come vengono chiamati i prodotti televisivi dei comici negli Stati Uniti). Ha iniziato la sua carriera come YouTuber, e dagli anni 2000 si è spesso dedicato a canzoni divertenti, che scrive e canta con il pianoforte. Sono uno degli elementi centrali di Dentro, che ne racchiude tanti e su temi molto diversi: c’è quello sulle videochiamate con la mamma durante il parto, quello sulle foto estetiche degli account Instagram di giovani donne bianche, quello sul sexting, phone sex fatto con messaggi ed emoji.

Burnham è un volto familiare per coloro che seguono la commedia americana, ma non si esibiva dal vivo da anni a causa di ricorrenti attacchi di panico sul palco. Come racconta nello show, aveva deciso di ricominciare a gennaio 2020: “e poi è successa una cosa molto esilarante”. Su Netflix ci sono altri due suoi spettacoli, risalenti al 2013 e al 2016: ma più recentemente è stato visto solo nelle sale, in alcuni film tra cui il recente Una donna promettente, in cui ha avuto un ruolo importante.

READ  Dati sul coronavirus oggi, mercoledì 23 dicembre

È considerato uno dei comici americani più talentuosi della sua generazione, particolarmente apprezzato per il suo modo di affrontare temi delicati e dibattuti della società, dal razzismo alle disuguaglianze sociali.

Questi sono temi frequenti in Dentro, trattato spesso in maniera tagliente e originale, anche con approcci radicali dal punto di vista politico, e al tempo stesso affrontando con prudenza e saggezza il fatto di essere un uomo bianco americano, categoria che “ha avuto la scena almeno per 400 anni” come una delle prime canzoni dello spettacolo. Soprattutto nella prima parte dell’ora e mezza di spettacolo ci sono molti pensieri e battute sulle contraddizioni, le ipocrisie, gli automatismi del modo in cui parliamo questioni sociali, e soprattutto come ne parlano i marchi, le celebrità dei social media e soprattutto i bianchi progressisti come lui.

Burnham ha lavorato su Dentro da oltre un anno, come testimoniano i lunghi capelli e la barba che ha nelle scene registrate più di recente. Ha riempito la sua casa di macchine fotografiche, tastiere, sintetizzatori, computer, luci, microfoni, proiettori, palle da discoteca, sperimentando luci e riprese con risultati notevoli e lontani dai prodotti per la casa visti lo scorso anno. Lo spettacolo racconta anche in parte gli sforzi produttivi, le difficoltà, gli errori di documentazione, i flashback, le difficoltà nel fare da soli ciò che fa normalmente una truppa di tecnici. La solitudine diventa sempre più il tema principale dello spettacolo, in cui si ride molto meno, pieno di canzoni, pensieri e battute sulla depressione e pensieri suicidi.

Venire scrisse critico Jason Zinoman su New York Times, Dentro è un esempio delle nuove ambizioni che da una decina d’anni caratterizzano alcuni comici americani, attratti dalla prospettiva di diventare sempre più autori e registi (tendenza probabilmente inaugurata da Louis CK con la serie Louie). Secondo Zinoman, Burnham “ha creato qualcosa di totalmente nuovo e inquietante, molto cinematografico e intimamente claustrofobico”, ed è “un comico con strumenti artistici che i suoi colleghi ignorano o sottovalutano”. Brian Logan sul Custode ha dato a Dentro cinque stelle su cinque, definendo Burnham “prodigioso talento” e lo spettacolo “un prodotto straordinario per la costruzione e la produzione e per le invenzioni audiovisive”.

READ  Adua in difficoltà, Signorini svela la reazione del fidanzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *