Gaza, 122 palestinesi e 7 vittime israeliane. Save the Children: “Raid di Tel Aviv su 31 scuole”. L’Egitto chiede una tregua da Israele

Dopo che l’allarme ritorna su ainvasione di terra dall’esercito israeliano a Gaza, prima annunciato e poi smentito nella notte dal portavoce militare Jonathan conricus, continuano gli scontri tra Stato ebraico e la popolazione e le formazioni palestinesi. Ai nuovi razzi di Hamas, uno dei quali ha ferito gravemente un cittadino israeliano, il fuoco di cannoni di confine con la banda dei carri armati e le incursioni dell’aeronautica israeliana hanno risposto, con il bilancio delle vittime di vittime nella Striscia di Gaza che continua ad aumentare. Io sono 122 palestinesi uccisi e oltre 900 quelli che rimangono ferito da lunedì nei raid israeliani nella Striscia di Gaza, secondo il ministero della Salute dell’enclave palestinese. Anche tra le vittime 31 bambini, specificano le autorità di Hamas. “Nel sud di Israele sono stati uccisi 7 civili israeliani, compresi 2 bambini ”, annuncia Salva i bambini in una relazione. Ma anche la violenza continua banca occidentale: solo oggi almeno c’è 10 morti durante gli scontri tra gruppi di manifestanti palestinesi e unità dell’esercito israeliano.

Nel frattempo, il fileEgitto ha chiesto a tregua pochi giorni in Israele, chiedendo Paesi occidentali per convincere Tel Aviv ad accettare. “Il Cairo ha invitato Israele a fermare il bombardamento Gaza aerei per evacuare i feriti“E” una tregua per far entrare Assistenza medica a Gaza ”, ha scritto su Twitter, citando le sue stesse fonti. tv al-Arabiya, confermando che “i continui bombardamenti israeliani stanno impedendo una riunione del delegazione di sicurezza Egiziano con le “Gang fazioni. Inoltre Oxfam suonare il campanello d’allarme e invitare “la comunità internazionale ad agire fermati immediatamente Semaforo e affrontare le cause profonde della nuova ondata di violenza e la continua violazione di diritti umani“.” Ancora una volta – si legge in un comunicato – lo sono civili innocenti pagare il prezzo altissimo per il fallimento della comunità internazionale nel negoziare un cessate il fuoco immediato tra israeliani e palestinesi, affrontando le cause alla base della crisi. L’enorme escalation di morti e violenze negli ultimi giorni avrà come prime vittime una generazione persa di giovani e bambini Palestinesi intrappolati in mezzo macerie a Gaza, senza diritti e senza futuro “.

READ  Coprifuoco, il voto è stato rinviato all'agenda di Meloni- Corriere.it

Hamas continua a lanciare razzi, Israele non ferma i raid nella Striscia di Gaza
Il sistema di difesa israeliano Una cupola di ferro continua ad intercettare i razzi lanciati dal Striscia di Gaza In direzione Ashdod, Beersheba e altre zone di confine, ma un uomo di 60 anni è rimasto gravemente ferito dopo che uno ha colpito una località nel sud di Israele. In totale sono finiti 2mila razzi ha lasciato l’enclave dall’inizio delle ostilità. D’altra parte, per circa tutta la notte 160 aerei L’esercito israeliano ha colpito più di 150 “bersagli sotterranei” nel nord della Striscia di Gaza, come riportato in un comunicato delle forze armate. Mentre il numero di vittime.

Save the Children denuncia che “se i bombardamenti a Gaza e nel sud di Israele continuano, è confermato almeno 31 scuole e una struttura sanitaria a Gaza, sono stati danneggiati dagli attacchi aerei israeliani. Le 31 scuole di Gaza sono state frequentate da più di 24mila bambini. Una scuola è stata danneggiata da razzi nel sud di Israele, dove tutte le lezioni sono state sospese a causa della violenza che ha colpito migliaia di bambini. Anche la violenza nelle comunità israeliane è fonte di preoccupazione ”.

Nuovi scontri in Cisgiordania
Ulteriori scontri tra militari e manifestanti, che protestavano contro i bombardamenti a Gaza, hanno avuto luogo al termine delle preghiere nel moschea in tutte le province della Cisgiordania. Si stima che ci siano almeno dieci morti e centinaia di feriti. TV al mattino al-Aqsa Hamas ha fatto appello ai palestinesi a Gerusalemme est e in Cisgiordania affrontare le forze armate israeliane. Ha anche rivolto un appello diretto ai residenti di ogni provincia affinché si uniscano alle proteste. Inoltre, il 15 maggio, la popolazione palestinese osserverà a giorno di lutto e mobilitazione in memoria del 15 maggio 1948, data di fondazione dello Stato di Israele.

“Cosa sta succedendo nel Città israeliane è molto tomba. I gruppi della mafia araba prendono di mira gli ebrei in quanto tali “, ha detto il primo ministro. Benjamin Netanyahu riferendosi ai gravi incidenti di quei giorni. Netanyahu ha chiarito che è “una minoranza violenta” che vuole colpire “il tessuto sociale costruito per anni tra arabi ed ebrei ”. “Tutti devono condannare la violenza degli arabi contro gli ebrei e degli ebrei contro gli arabi. Lo faccio ad alta voce senza esitazione “, ha aggiunto.

Il ribaltamento dell’invasione della terra
La notizia dell’inizio di un’invasione di terra la scorsa notte ricordava la sanguinosa operazione Bordo protettivo 2014. Ma un’ora dopo, intorno all’una di notte, l’esercito di Israele ha negato la notizia rilasciata dai suoi portavoce, dicendo che i suoi soldati avrebbero continuato a lanciare attacchi aerei come hanno fatto finora, in risposta ai razzi lanciati da Hamas e di Jihad islamica dell’enclave palestinese.

Chiodo errore comunicativo, quella dei soldati dello Stato ebraico, che tuttavia nasconde la crescente tensione tra le parti, con i soldati del tel Aviv Da giorni ormai ammassato al confine con la striscia di terra governata da Hamas, pronto per l’invasione. Verso mezzanotte, il portavoce militare Jonathan conricus aveva indicato che i soldati erano entrati dal nord della Striscia di Gaza, senza fornire i dettagli dell’operazione e invitando chiunque si trovasse in territorio israeliano entro 4 chilometri dal confine a entrare “in un rifugio e rimanervi fino a nuovo avviso”. . Ma subito dopo, ha negato che “attualmente non ci sono truppe di terra all’interno della Striscia di Gaza”: “Le forze aeree e le truppe di terra stanno attualmente conducendo attacchi contro obiettivi nella Striscia”, ha detto Conricus, citando “a problema di comunicazione interna“.

Tensione al confine libanese
Nel frattempo, un altro incidente viene registrato in due giorni presso confine tra Israele e Libano. “Oggi i carri armati hanno sparato colpi di avvertimento contro alcuni manifestanti del territorio libanese che erano entrati in territorio israeliano. Queste persone sospettose – secondo una dichiarazione dell’esercito israeliano – hanno danneggiato le recinzioni e dato fuoco all’area. Dopodiché sono tornati in territorio libanese ”. Ieri dal Libano, dove opera la milizia sciita anti-israeliana Hezbollah, tre razzi erano stati lanciati contro Israele senza causare danni.

Centinaia anche di Giordania hanno raggiunto il confine con banca occidentale per mostrare la loro vicinanza al popolo palestinese. In alcuni casi, secondo alcune fonti, sono stati ascoltati canti di sostegno ad Hamas. Nei video che circolano online, vediamo persone che cercano di entrare in territorio palestinese ma che sono poi fuggite dalla polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *