“La gente è stanca di Erdogan”

“La gente è stanca di Erdogan”

Una strada nel centro di Diyarbakir è ricoperta di bandiere del partito curdo Yesil Sol (in turco

Una strada nel centro di Diyarbakir è ricoperta di bandiere del partito curdo Yesil Sol (in turco “sinistra verde”).Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Non ci sono dubbi su chi vincerà domenica le elezioni legislative turche nella provincia curda di Diyarbakir: la sinistra verde. No, la sottosezione turca del partito di Jesse Klaver non lo è, ma i collegamenti ci sono, così come le idee ricevute.

Nel capoluogo di provincia, che si chiama anche Diyarbakir, un logo di partito domina la scena di strada, quello di Yesil Sol (turco per ‘Green Left’): un tronco d’albero viola con foglie verdi, con una lampadina gialla che rende il tronco dell’albero anche una figura femminile. Design intelligente, anche per la somiglianza con il logo del partito curdo HDP: due mani che formano un albero, con le stesse foglie, anch’esse in viola e verde.

Non è un caso, anzi. In realtà, non è Yesil Sol a partecipare alle elezioni, ma l’HDP. Fondata nel 2012, Yesil Sol è troppo piccola per avere la possibilità di vincere un solo seggio parlamentare. L’HDP, d’altra parte, è una parte importante della politica turca. Per anni il partito ha rappresentato quasi il 15% dei voti; in parlamento detiene 56 dei 600 seggi.

Circa l’autore

Rob Vreeken è corrispondente in Türkiye e Iran per di Volkskrant. Vive a Istambul. In precedenza, ha lavorato presso il Dipartimento Affari Esteri, dove si è specializzato in diritti umani, Asia meridionale e Medio Oriente. È autore di Un lavoro pagano – Erdogan e il fallimento dell’islamizzazione della Turchia.

È probabile che Yesil Sol corrisponda almeno a quello la prossima settimana. Questo dà alla sinistra verde una posizione oscillante. Secondo i sondaggi, nessuno dei due maggiori blocchi – quello del presidente Recep Tayyip Erdogan né quello del suo rivale Kemal Kiliçdaroglu – otterrà la maggioranza in parlamento. Inoltre, gli elettori della sinistra verde (e in effetti dell’HDP) sono necessari per nominare Kiliçdaroglu presidente quel giorno.

Aiutare Erdogan a ottenere la maggioranza è fuori discussione. Il presidente e il suo partito AK disprezzano l’HDP. Per loro, il Partito Democratico dei Popoli, come dice il suo nome completo, è un’estensione del PKK e quindi un’estensione di un’organizzazione terroristica. Il leader dell’HDP Selahattin Demirtas e dozzine di membri del partito vengono imprigionati, il partito viene reso infelice in ogni modo possibile.

READ  Dieci persone uccise a colpi d'arma da fuoco nella stazione della metropolitana di New York, la polizia cerca il sospetto di Filadelfia | All'estero

Il divieto del partito minaccia l’HDP

Il divieto dell’HDP è incombente da un anno. A causa del rischio che ciò accada davvero poco prima delle elezioni, il partito ha cercato rifugio presso gli spiriti affini della sinistra verde. I membri dell’HDP ora riempiono le liste dei candidati di Yesil Sol in tutte le province.

Non crea confusione per l’elettore? «No, ci sono abituati», sorride Ceylan Akça, numero otto della lista a Diyarbakir. “Il movimento politico curdo ha cambiato nome diverse volte in passato. Poi c’è stato un altro divieto di festa e il giorno dopo abbiamo ottenuto un nuovo nome.

Il candidato 36enne è convinto che vincerà Yesil Sol ed Erdogan perderà. “Puntiamo a 100 posti”, dice mentre allatta la sua adorabile bambina. “Il governo sta facendo una campagna contro se stesso. Non ci resta che sederci e guardare l’AKP cadere. La spiegazione, secondo lei: crescente povertà. “Inoltre, la gente è stufa delle politiche autoritarie di Erdogan”.

Ceylan Akça, candidato Yesil Sol: “Il governo fa campagna contro se stesso.  Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Ceylan Akça, candidato Yesil Sol: “Il governo fa campagna contro se stesso.Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Nel sud-est della Turchia si aggiunge un altro fattore: la questione curda. Otto anni fa, l’AKP ha cambiato radicalmente rotta in questo senso. Fino ad allora era in corso un processo di pace. Il governo Erdogan ha concesso per la prima volta ai curdi i diritti culturali, soprattutto per quanto riguarda la loro lingua. Via via, è stata discussa una soluzione politica con il PKK. Di conseguenza, il numero di elettori curdi dell’AKP è aumentato. Un curdo turco su tre a livello nazionale ha votato per il partito di Erdogan.

Non è rimasto molto di questo, perché non è rimasto nulla neanche del processo di pace. C’è un’altra guerra tra lo stato turco e il movimento curdo. Per quanto riguarda il PKK, l’esercito turco ha persino vinto la guerra. I combattenti del PKK si sono ritirati sulle montagne irachene e stanno prendendo di mira la Siria. In Turchia, l’organizzazione è stata praticamente distrutta con l’aiuto dei droni.

“La guerra delle città è stata un grosso errore”

Nel centro di Diyarbakir, il PKK ha ricevuto il colpo più duro e si vede. Sur, il quartiere storico tra le mura della città vecchia, è l’ombra di quello che era un tempo. Gran parte del quartiere è stato spietatamente distrutto dai militari nel 2015-16 dopo che i giovani combattenti del PKK hanno cercato di creare una sorta di stato libero nel labirinto di stradine con barricate e trincee. La loro “guerra cittadina” equivaleva al suicidio. Fuggirono più di trecentomila abitanti, morirono 1.700 persone.

Resti di un edificio nel quartiere storico di Sur, gran parte del quale è stato distrutto dall'esercito durante il

Resti di un edificio nel quartiere storico di Sur, in gran parte distrutto dall’esercito durante la “guerra urbana” del 2015-2016.Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Il bellissimo cortile con la casa da tè Hasanpasa è stato risparmiato, ma per il resto il tono è dato da storici blocchi grigio-neri senz’anima che hanno lo scopo di evocare un’atmosfera di secoli fa. Invano. La maggior parte dei residenti non è mai tornata perché era troppo povera per la nuova costruzione.

“La guerra urbana è stata un grosso errore”, afferma Ali Çetintas, 20 anni, organizzatore di concerti. “Non è stata una rivolta politica. I poveri hanno sofferto. A quel tempo, alcuni dei giovani della città erano attivi nell’YDG-H, l’ala giovanile del PKK. Anche di esso non rimane quasi nulla. A Diyarbakir, quasi nessuno crede più nella lotta armata. “Non lo vogliamo più”, dice Çetintas. “Non sta andando da nessuna parte.”

“La violenza del PKK non è la soluzione”, ha detto Vahap Coskun, professore di diritto alla Dicle University di Diyarbakir e veterano del fallito processo di pace. “Criminalizza le richieste politiche del movimento curdo. Gran parte dei curdi lo vede. I giovani si sono allontanati dal radicalismo. La via politica è più allettante.

“I legami con il PKK sono un’opportunità”

Questo percorso è incarnato dall’HDP e dal suo popolarissimo leader Demirtas, un avvocato di 50 anni con carisma e un tocco di giovinezza. Il suo pacifico successo politico è andato storto con i falchi del PKK nelle montagne dell’Iraq. Questo ha messo a repentaglio la loro ragion d’essere: combattere.

Traccia la distanza tra il PKK e l’HDP. Allo stesso tempo, non ha senso negare che esistano legami tra le due organizzazioni. “Ma lo stato dovrebbe vedere questa come un’opportunità”, dice Coskun. “L’HDP può svolgere un ruolo di mediazione, come ha fatto lo Sinn Fein in Irlanda del Nord”.

Il centro di Diyarbakir.  Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Il centro di Diyarbakir.Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Invece il governo opta per la mazza. I sindaci HDP eletti sono stati sostituiti dai capi di Ankara. Gli HDP sono dipinti come terroristi e c’è paura nel sud-est a causa della repressione. “Anche dare il segno della pace è proibito”, dice Çetintas.

“Il governo dice che l’HDP e il PKK sono una cosa sola”, ha detto Raci Bilici, avvocato per i diritti umani e membro del consiglio locale dell’HDP. “Se vedi che il sostegno elettorale all’HDP sta aumentando, dovresti concludere che il sostegno al PKK sta aumentando?

Probabilmente non è così. Eppure l’AKP continua a insistere sul fatto che l’HDP e il PKK sono un disastro. È addirittura uno degli asset più importanti del campo di Erdogan in campagna elettorale.

L’intenzione è quella di mettere in cattiva luce Kiliçdaroglu, il candidato avversario di Erdogan. L’HDP sostiene Kiliçdaroglu nelle elezioni presidenziali, quindi per l’AKP è semplice: CHP = HDP = PKK = terrorismo. In varie roccaforti dell’AKP a Türkiye di Volkskrant visitato nelle ultime settimane, i sostenitori dell’AKP erano all’unisono: Kiliçdaroglu è in combutta con i terroristi! Nei discorsi dei leader dell’AKP della stessa stoffa un abito.

“I curdi sono disprezzati”

Mira a distogliere l’attenzione dal tallone d’Achille del governo Erdogan, la politica economica, ma ovviamente da nessuna parte questa strategia ha avuto così poco effetto come a Diyarbakir. “Viviamo in un paese terribile”, dice Elif, 42 anni, che fuma una sigaretta con la sorella Aysegül e la nipote Dilan nella soleggiata piazza vicino alla Moschea Ulu.

“L’economia è cattiva, l’istruzione è cattiva, le donne sono trattate male”, dice. I suoi due genitori più giovani sono laureati e disoccupati, Elif è una casalinga. “I nostri figli non hanno futuro, questo mi preoccupa. I curdi sono disprezzati, quindi devono studiare più duramente degli altri in Turchia.

Campagna per le strade di Diyarbakir per Kemal Kiliçdaroglu (nella foto nelle carte), candidato rivale del presidente Erdogan.  Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Campagna per le strade di Diyarbakir per Kemal Kiliçdaroglu (nella foto nelle carte), candidato rivale del presidente Erdogan.Immagine Nicola Zolin per il Volkskrant

Pertanto, la conversazione si sposta inevitabilmente sulla questione curda. La critica delle donne alla politica socio-economica di Erdogan è intrecciata con ciò che dicono sulla privazione dei curdi e l’approccio intransigente del movimento che lotta per l’autonomia locale nelle aree curde. Hanno riposto le loro speranze su Yesil Sol e Kemal Kiliçdaroglu.

Ma il leader del CHP e la sua coalizione di sei partiti di opposizione hanno qualcosa da offrire? Questa è solo la domanda. Anche questa Tavola dei Sei non ha nulla a che fare con il PKK, né Kiliçdaroglu ha una formula magica per la questione curda. La sua idea più concreta è: “Il Parlamento è il luogo per parlare di una soluzione.

“Non vedo un nuovo governo parlare presto con il PKK”, ha detto Coskun. “Speriamo che Demirtas venga liberato e che tornino i sindaci HDP. Quindi le persone possono respirare di nuovo. Forse allora si creerà l’atmosfera per una soluzione politica. Ah, sospira, se solo il movimento curdo avesse un Nelson Mandela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *