La Germania vuole prendere il comando della difesa europea, ma Scholz esita

La Germania vuole prendere il comando della difesa europea, ma Scholz esita

È una dichiarazione di molto tempo fa che ora perseguita il cancelliere tedesco Olaf Scholz: “Chiunque ordini la mia leadership, la riceverà”.

Più che mai, la guerra in Ucraina richiede un ruolo di primo piano al cancelliere di uno dei paesi più potenti d’Europa. Ma le critiche a Scholz e al suo partito si sono moltiplicate e l’opinione è caduta nei sondaggi.

Mentre molti paesi chiedono severe sanzioni alla Russia, la fornitura di armi pesanti all’Ucraina e decisioni rapide, Scholz sembra esitare. Come ogni settimana Die Zeit dopo due mesi di guerra, il titolo era: “La linea è stata ordinata, ma non consegnata”. Da dove viene questa riluttanza?

Obiezioni pratiche

Se chiedete al Partito socialdemocratico (SPD) di Scholz perché le consegne di armi sono così lente, sentirete molte spiegazioni pratiche: l’esercito ucraino non sarebbe in grado di maneggiare armi tedesche, la Germania dopo anni di pacifismo ha troppo poco materiale in magazzino e cioè , non funziona o non può mancare.

Inoltre, tali importanti decisioni chiave devono essere coordinate con i paesi partner, cosa che potrebbe richiedere settimane, secondo i politici dell’SPD.

Allo stesso tempo, molte obiezioni si sono rivelate non insormontabili: dopo molte esitazioni, la Germania ora fornirà i panzer pesanti Gepard, che in precedenza si diceva che i soldati ucraini non potevano controllare. “I panzer non possono aiutare a breve termine, ma temo che la guerra durerà più a lungo”, ha affermato Michael Roth, politico dell’SPD e presidente della commissione per gli affari esteri del Bundestag. “Faremo in modo che venga fornita la formazione necessaria”.

READ  Scuole, verso l'apertura al sesto posto, anche nelle zone rosse | Nessuno in giallo prima del 4/30

grandi aspettative

I critici vedono le obiezioni pratiche principalmente come una mancanza di leadership e volontà. Il malcontento è cresciuto nelle ultime settimane non solo in Ucraina, ma anche nell’opposizione tedesca e persino all’interno della coalizione e dello stesso SPD.

“Il problema con Olaf Scholz è che lui stesso ha creato enormi aspettative”, ha affermato Albrecht von Lucke, politologo presso Blatter für deutsche und Internationale Politik

Ricorda il discorso pronunciato dal Cancelliere in parlamento poco dopo lo scoppio della guerra. In esso, Scholz ha inaugurato una nuova era, una “Zeitenwende”, in cui la Germania, dopo due guerre mondiali, osa aprire la strada nella lotta armata per la sicurezza internazionale. Ciò crea maggiori aspettative rispetto agli investimenti nelle consegne di armi militari e prudenti. “La gente vede la Germania come un ritardo, non è una buona immagine”, dice von Lucke.

Ma la lotta tra Scholz e l’SPD è più profonda. Dalla seconda guerra mondiale, i governi tedeschi, e certamente l’SPD, hanno scelto di “allentare” i rapporti che erano costretti ad avere con la Russia. Ciò contribuì alla fine della Guerra Fredda e andò di pari passo con petrolio, gas e carbone a buon mercato dalla Russia.

Ma per Putin l’idea che “non si spara quando si parla” sembra non esistere più, dice von Lucke. Poiché la Germania è diventata sempre più dipendente dall’energia russa, ci sono stati molti segnali che richiedevano una posizione più dura nei confronti della Russia: l’invasione russa della Georgia, l’annessione della Crimea e gli avvertimenti dai paesi dell’Europa orientale.

Anche dopo, l’SPD ha svolto un ruolo importante, ad esempio, nella costruzione del gasdotto dalla Russia alla Germania, che faciliterebbe il bypass dell’Ucraina.

READ  L'UE non concede brevetti sui vaccini all'Africa, ma dà "nuovo slancio"

La volontà del popolo

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, membri di spicco dell’SPD si sono fatti avanti uno per uno per ammettere i loro “errati giudizi”. Roth è anche autocritico. “Non abbiamo preso abbastanza sul serio le preoccupazioni dei paesi dell’Europa orientale”, afferma. Anche se attribuisce alcune responsabilità anche al di fuori del suo partito. “Bisogna capire che la politica dell’SPD nell’Europa orientale è stata un riflesso della volontà del popolo”.

Questa volontà è ora divisa, secondo i sondaggi. La percentuale di tedeschi contrari alle consegne di armi si avvicina ora al 50%. Allo stesso tempo, l’apprezzamento per il lavoro di Scholz è sceso dal 72% al 49% in un mese, secondo un sondaggio di ZDF.

Lo stesso Scholz, che non è noto per il suo stile di comunicazione accattivante, è stato per lo più in secondo piano nelle ultime settimane. Fa eccezione l’intervista al settimanale dello specchiocon il titolo “Di cosa ha paura, signor Scholz?”

La sua risposta: “Non è una questione di paura, è una mia responsabilità politica. Farò di tutto per prevenire la terza guerra mondiale. Non dovrebbe esserci una guerra nucleare”.

La sua popolarità è di secondaria importanza per lui. “Non guardo le urne e non mi permetto di irritarmi con grida stridule. Questa situazione richiede calma e decisioni ponderate, perché il nostro Paese ha la responsabilità della pace e della sicurezza in tutta Europa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *