La giuria vuole la vita per l’uomo che ha sparato a 17 anni a scuola in Florida |  ADESSO

La giuria vuole la vita per l’uomo che ha sparato a 17 anni a scuola in Florida | ADESSO

Una giuria americana vuole che l’uomo che ha sparato a 17 persone in una scuola della Florida nel 2018 sia condannato all’ergastolo. Il giudice non ha ancora determinato la sanzione e si pronuncerà il 1 novembre. Il pm aveva chiesto la pena di morte nei confronti dell’allora 19enne, ma il giudice non può più comminare tale sentenza.

Nel febbraio 2018, 14 studenti e tre membri del personale scolastico sono stati uccisi nella sparatoria alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland. Altri diciassette sono rimasti feriti. Il tiratore è stato sospeso dalla scuola in quel momento.

La pena di morte era possibile solo se i dodici membri della giuria avessero accettato all’unanimità questa sentenza per uno dei conteggi. E anche allora il giudice può infliggere una pena più lieve. Il giudice non può aumentare a morte l’ergastolo.

La giuria doveva valutare individualmente la situazione di ogni morte. In tutti i casi, la giuria ha condannato all’ergastolo. Per la pena di morte, le aggravanti, come l’esecuzione ravvicinata delle vittime, devono essere provate e controbilanciate dalle eccezioni della difesa.

Il team di avvocati del sospettato ha indicato, tra le altre cose, i suoi disturbi mentali. Il sospetto l’ha contratto a causa dell’eccessivo consumo di alcol della madre durante la gravidanza. Questi argomenti sembrano aver evitato una condanna a morte.

Il sospettato ha chiesto l’ergastolo

La giuria ha impiegato un giorno per raggiungere un verdetto. Durante le udienze in tribunale, l’ormai 24enne sospettato ha chiesto l’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale. In questo modo, dice che può “aiutare gli altri per il resto della sua vita”.

READ  1,5 milioni di case negli Stati Uniti senza elettricità a causa della tempesta invernale, stato di emergenza a New York | All'estero

Durante il processo, l’uomo ha confessato di essere il responsabile della sparatoria. Ha anche detto che era “profondamente dispiaciuto” per il suo atto. Gli avvocati hanno convenuto che il loro cliente aveva commesso “un crimine terribile”.

Gli omicidi hanno innescato un movimento nazionale guidato dagli studenti per leggi più severe sulle armi e scuole più sicure.

Vittime della sparatoria di Memorial Parkland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *