La guerra eclissa le vacanze in Ucraina: “Posso piangere all’infinito”

La guerra eclissa le vacanze in Ucraina: “Posso piangere all’infinito”

Reuters

Notizie ONS

  • David Jan Godfroid

    Giornalista

  • David Jan Godfroid

    Giornalista

Milioni di ucraini sono costretti a festeggiare Natale e Capodanno senza familiari o amici e spesso lontani da casa. L’invasione russa più di dieci mesi fa e la guerra che ne è seguita li hanno costretti alla fuga e hanno fatto a pezzi famiglie e gruppi di amici. E quindi celebrare è fuori discussione per molte persone. È soprattutto sperare nella pace e nel ricongiungimento con i propri cari.

Ksenia Kyshychenko (21 anni) è riuscita a tenere suo padre Vyacheslav per il petto solo una volta da quando l’esercito russo ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. Dove esattamente sta combattendo, non le dice. In ogni caso, in prima linea nell’est del Paese, nel Donbass, è da mesi il baricentro della guerra contro i russi. Le manca perché è il suo eroe.

Ksenia ora vive con il suo ragazzo Bohdan e il suo cane Palma in un piccolo appartamento a Kiev. Viene dalla regione di Lugansk, governata dai russi dal 2014 e annessa da Mosca a settembre.

Cibo che non c’è

La guerra ha lacerato la cerchia delle persone che contano per lei. Sebbene sua madre viva non lontano da lei a Kiev, sua nonna è rimasta a Lugansk e il resto della sua famiglia e molti amici sono stati costretti a disperdersi in Ucraina e in altri paesi europei. E non sa esattamente dove sia suo padre.

Anche se sembra allegra e sorride molto, le persone che la conoscono bene sanno che le cose non stanno andando bene per Ksenia. “La situazione ha un grande impatto su di me”, dice. “Posso piangere all’infinito. Faccio cose irrazionali e sono eccessivamente sensibile. Non era così.”

Indossa una maglietta nera con l’emblema dell’esercito ucraino, che ha ricevuto da suo padre nel 2014. I problemi con la Russia nell’Ucraina orientale erano appena iniziati. Ksenia: “Ero ancora giovane, ma ho capito esattamente cosa stava succedendo”.

Esempio per tutti

A quel tempo, l’esercito ucraino non era in grado di prendere una vera posizione contro la violenza emanata dalla Russia. Ora è diverso e lei ha una grande ammirazione per questo. Le forze armate sono composte da “titani”, pensa. “È un onore indossare una maglia con lo stemma dell’esercito. E anche perché è un regalo di mio padre”.

Considera Vyacheslav un esempio. “È onesto, diretto e di principio. Sì, è anche aggressivo, ma usa quell’aggressività per ottenere cose buone”. Ad esempio, nella guerra contro la Russia, aggiunge in seguito. “Dovrebbe essere un esempio per tutti”.

Nessuna perdita frontale

Padre e figlia quindi si vedono raramente o mai nella vita reale, ma cercano di chiamarsi il più spesso possibile. Anche oggi: sullo schermo del telefono di Ksenia, vediamo un uomo dal sorriso ampio in un veicolo blindato. Parlano dello scorso Natale. “Ho fatto una paella e ho bevuto una bottiglia di birra”, ride Viacheslav. E poi seriamente: “Ma l’importante è che al momento non abbiamo perdite al fronte. Grazie a Dio non è morto nessuno da una settimana”.

READ  "Era in conflitto con suo marito per la loro custodia legale"

Ksenia si alza e va a letto con la paura che succeda qualcosa a suo padre. Una volta, non aveva sue notizie da una settimana. “Poi mi ha chiamato la sera e mi ha detto: ‘Ciao, ricordi che mi hai chiesto di vivere? L’ho fatto.’ Questa telefonata è sempre nella mia testa. Ricordarla è molto difficile”.

La sua voce si spezza. Si avvicina a Bohdan e gli dà un bacio. Si rende conto fin troppo bene che un giorno le cose potrebbero non finire bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *