I danni causati dalla tempesta Vaia in Italia mostrano a distanza di 4 anni quanto siano disastrose per la natura le conseguenze di eventi meteorologici estremi

I danni causati dalla tempesta Vaia in Italia mostrano a distanza di 4 anni quanto siano disastrose per la natura le conseguenze di eventi meteorologici estremi

42 milioni di alberi sono stati abbattuti in Italia nel 2018 dalla tempesta Vaia. Federico lavorava da anni a Bruxelles, ma ha deciso di tornare per aiutare. “Ho imparato più che mai che la natura non ha davvero bisogno degli umani.”

Federico Stefani (30) viene da uno dei paesi più colpiti: Pergine Valusugana. Lavorava fuori dall’Italia da 5 anni, prima a Tokyo e poi a Bruxelles per la NATO, quando la tempesta Vaia colpì le Alpi meridionali italiane.

Alberi più abbattuti

Federico dice: “Io stesso non c’ero, ma mi sono stati inviati video e foto della mia famiglia e dei miei amici. Non sapevo cosa stavo vedendo. Sembrava una zona di guerra. Gli alberi nei boschi dove sono cresciuto erano rotti come fiammiferi Era irriconoscibile.

Federico indica il rumore di una motosega proveniente dal pendio dall’altra parte della valle: “Stanno ancora lavorando qui. Ricorda, sono passati 4 anni dal temporale, ma sembra ancora che fosse lì qualche settimana fa. Il legno è stato rimosso , ma puoi anche vedere che ci sono ancora molti tronchi d’albero”.

La natura si sta lentamente riprendendo

Da allora le case e le strade della zona sono state riparate. Ma il recupero della natura è molto più lento. Ci vorranno più di 100 anni prima che ci siano di nuovo foreste completamente sviluppate. Gli alberi caduti 4 anni fa sono ancora in fase di abbattimento.

E la scomparsa di queste foreste ha gravi conseguenze per la regione. Federico ha deciso di lasciare il suo lavoro 3 anni fa e tornare per aiutare la sua terra.

guarda anche

Pianta nuovi alberi

Federico ha voluto dare una destinazione al legno danneggiato, che non può essere utilizzato per scopi industriali. Con la sua azienda trasforma il legno in piccole apparecchiature, come amplificatori sonori. E, cosa più importante, per ogni oggetto venduto, posizionano un nuovo albero nell’area.

READ  Germania, “per 10 anni spia per la Cina”: arrestato politologo in Baviera. "Assunto a Shanghai"

Un totale di 70.000 nuovi alberi sono già stati piantati da Federico e dai suoi colleghi. È così che cercano di accelerare il recupero. Federico: “Invece dei 100 o anche 150 anni che la natura impiega per ripristinare le foreste da sola, i nostri alberi saranno maturi in 50 anni. Così guadagneremo più di mezzo secolo.

Investimenti per la sicurezza

Gli alberi della zona non solo fornivano legname, ma proteggevano anche l’area da neve, forti piogge e possibili frane. L’area è ora molto più vulnerabile.

Federico: “Ciò che la natura faceva per noi gratuitamente, ora deve essere fatto con investimenti importanti. Si costruiscono muri e si mettono reti a protezione di strade e villaggi. La tempesta mi ha insegnato più che mai che la natura non prendersi cura delle persone Anche dopo una tempesta, la natura si riprende al proprio ritmo, ma le persone hanno davvero bisogno della natura.

guarda anche

Esempio internazionale

Gli esperti avvertono che se non vengono piantati nuovi alberi prima, perderemo 80 milioni di alberi in più in Europa entro 5 anni a causa degli insetti nocivi.

Non sa se Federico tornerà mai alla sua carriera internazionale: “Certo, per me è una transizione. Vivo di nuovo nel villaggio in cui sono cresciuto. Ma in qualche modo, spero che anche il nostro lavoro qui diventi un esempio a livello internazionale.Purtroppo le catastrofi naturali apparterranno sempre più al nostro mondo.Vorrei essere un esempio di come una simile catastrofe possa significare anche un nuovo inizio.

Visualizza il rapporto.

READ  'Memphis legato all'Ajax, interesse anche da Italia e Inghilterra'

guarda anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *